Prof preso a calci e pugni dai genitori di un alunno, scattano quattro denunce

Solidarietà dal sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone, in visita dalla preside della scuola di via Socrate: "Lo Stato condanna atti delinquenziali, sta dalla parte degli insegnanti"

Davide Faraone davanti l'istituto Caponnetto

Ci sono quattro denunciati per il pestaggio del docente dell'istituto comprensivo 'Antonino Caponnetto' di Tommaso Natale, picchiato dai genitori dopo aver rimproverato un alunno che disturbava la lezione. La polizia ha deferito i genitori dello studente, la zia materna e un amico del padre per lesioni aggravate. L'episodio era stato denunciato dall'insegnante quarantanovenne di materie scientifiche, preso a calci e pugni lo scorso venerdì

Stamattina il sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone ha incontrato la preside della scuola di via Socrate,  "non solo per testimoniare vicinanza e solidarietà, ma per dare un segnale ben preciso e cioè che lo Stato c'è, è attento, condanna atti delinquenziali, sta dalla parte degli insegnanti e con loro intende costruire le migliori condizioni per dare alla scuola il ruolo che merita".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Silvio
    Silvio

    La migliore espressione di solidarietà è quella di mandare in galera per direttissima gli aggressori del prof.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La loggia segreta di Castelvetrano, lo sfogo che incastra Cascio: "Quello mi dice il discorso"

  • Cronaca

    Bellolampo, rimane col braccio incastrato nel nastro trasportatore: operaio si frattura il polso

  • Politica

    Rifiuti, proposta dell'Anci: "Tari nella bolletta della luce per evitare il dissesto dei Comuni"

  • Cronaca

    In diecimila in piazza per ricordare le vittime di mafia: "Uniti si vince"

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

  • Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

Torna su
PalermoToday è in caricamento