Primarie Pd 2012, sentenza ribaltata: rappresentante di lista di Ferrandelli assolta

Francesca Trapani era finita sotto processo insieme al marito accusata di presunti brogli nei gazebo dello Zen. In primo grado era stata condannata a un anno, oltre all'interdizione dai pubblici uffici. Nella consultazione Ferrandelli vinse contro Rita Borsellino appoggiata da Orlando

Ferrandelli e il suo entourage mentre festeggiano i risultati delle primarie nel 2012

E’ stata processata insieme al marito dopo alcuni presunti brogli nei gazebo dello Zen per le primarie del Pd, che nel 2012 vinse la sfida con Rita Borsellino, ma dopo sette anni è caduta ogni accusa. I giudici delle prima sezione penale del tribunale di Palermo hanno assolto, riformando la sentenza di primo grado, Francesca Trapani e il compagno Maurizio Sulli. I due erano imputati perché avrebbero - secondo l’accusa - impedito il libero esercizio di voto. Esploso il caso dei presunti brogli Ferrandelli dichiarò: “Contro di me hanno utilizzato il ‘metodo Boffo’ ma non permetterò a nessuno di tradire il voto dei palermitani”. E lo stesso oggi commenta: "Avere fiducia nella magistratura è stata una scelta che ha sempre premiato, sia me che chi mi è stato accanto".

La Trapani, presidente dell’associazione Donne insieme associate e rappresentante di lista proprio per Ferrandelli, ha sempre respinto ogni accusa sostenendo di essersi messa a disposizione dei suoi associati, in alcuni casi pare anche custodendo i loro certificati elettorali. E in alcuni casi avrebbe - sempre secondo l’accusa - fornito la somma necessaria per partecipare alle primarie del Pd. Ma lo avrebbe fatto per consentire a chi voleva, ma non ne aveva la capacità economica, di prendere parte alla consultazione democratica.

In primo grado la donna era stata condannata a un anno di reclusione e all’interdizione dei pubblici uffici. Secondo alcune segnalazioni la donna sarebbe stata “una delle artefici - ricostruisce l’avvocato Vincenzo Favata, che l’ha assistita nel processo d’appello - dell’altissimo numero di preferenze ricevute da Ferrandelli nel 2012”. Segnalazioni per le quali sia lei che il compagno furono allontanati dai gazebo, ma dopo i controlli effettuati dai carabinieri non furono eseguiti né sequestro né perquisizioni.

“La sentenza di prima grado - dichiara l’avvocato Favata - era stata emessa in violazione di principi fondamentali che regolano il diritto positivo, posto che nell’ambito del diritto penale vige, a  presidio delle libertà fondamentali dell’individuo, il principio di legalità. Dal quale discendono i corollari della riserva di legge, della tassatività e del divieto di analogia. In altri termini il principio di legalità comporta che sia la condotta vietata che la concreta sanzione penale ad essa connessa siano prevedute da una legge penale espressa in maniera chiara ed inequivocabile. Il principio di tassatività attiene alla tecnica di formulazione della fattispecie e richiede che la stessa sia descritta in modo chiaro e non lasci al giudice discrezionalità nell’individuazione della condotta punibile. Nell’ambito del diritto penale il meccanismo giuridico dell’analogia non è applicabile”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Strano... o no?

  • Se penso che ci saranno le elezioni per sindaco e si riporta Ferranfello mi viene il freddo

    • Non voterei mai Ferrandelli ma Orlando è da vomito.

    • Avatar anonimo di giulio
      giulio

      quando si è portato ferrandelli aveva contro forello (mammasantissima ) e orlando, tra i 3 meglio orlando (palermo messa malissimo) ma ferrandello sarà ed è peggiore di cammarata

    • Infatti tieniti Orlando che il Sindaco lo sa fare...

    • Avatar anonimo di Massimiliano
      Massimiliano

      Invece con Orlando siamo tutti accaldati... Ben venga "Ferranfello"

  • Ah, bene. Contento x la sig.ra Trapani. Questo è il classico caso che dovrebbe "insegnare qualcosa" alla gente. Robe molto semplici, razionali, che però sono al contempo matrice di principi di civiltà: robe del tipo " una accusa non equivale a condanna", "la persona accusata non è autonomamente colpevole di ciò che le viene imputato", "le accuse devono essere scrutinate da soggetti terzi rispetto a chi le ha formulate", "l'ipotesi accusatoria è, inevitabilmente, ipotesi di parte, rispetto alla quale occorrerebbe essere ideologicamente guardinghi"...e magari ai più arguti potrebbe suggerire riflessioni un attimo più complesse, del tipo "ma come mai le accuse dei PM vengono sempre pubblicizzate mediaticamente come fossero verità rilevate", o addirittura "quali conseguenze questo privilegio mediatico potrebbe avere, a livello di percezione sociale?". Non sono ASSOLUTAMENTE ottimista rispetto alle capacità di riflessione critica del volgo (bisogna essere degli illusi per esserlo), quindi non ho dubbi sul fatto che quelli che sbraitano "galera" al primo avviso di garanzia, continueranno a farlo imperterriti. Nonostante la storia insegna che anche le indagini mediaticamente più pompate possono sgonfiarsi quando arrivano al vaglio del giudice.

    • Applausi... finalmente

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il camionista palermitano che sognava una strage in nome dell'Isis: convalidato il fermo

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, provincia di Palermo sul podio nazionale: accolte 26.204 istanze

  • Cronaca

    "Calmi, nessuno si farà male": con le tute da imbianchino e la pistola rapinano Carrefour

  • Cronaca

    Villabate, furto in chiesa durante la Settimana Santa: rubati il pc del parroco e le offerte

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Tragico incidente in auto, morto ragazzo palermitano di 20 anni

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

Torna su
PalermoToday è in caricamento