Un’ex collega di Borsellino: “Mi disse che era stato tradito”

Alessandra Camassa, ex pm a Marsala, depone al processo al processo al generale Mario Mori. Racconta delle lacrime del magistrato durante l'incontro a fine giugno del 1992

“A fine giugno del 1992 io e il collega Massimo Russo avemmo un incontro con Borsellino. Era un dialogo normale, si parlava di indagini. A un certo punto lui si alzò, si stese sul divano e cominciò a lacrimare e disse: ‘non posso credere che un amico mi abbia tradito’”. A raccontare l'episodio – riportato sul sito Ansa.it - è il giudice Alessandra Camassa, ex pm a Marsala quando il magistrato assassinato dalla mafia era a capo della Procura. Camassa sta deponendo al processo per favoreggiamento alla mafia al generale dei carabinieri Mario Mori.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Mafia

      Rapinatore e killer mafioso dal destino segnato, la storia del boss Dainotti: "Uccidetelo"

    • Politica

      Strage di Capaci, Mattarella: "Ricordare Giovanni, Francesca e gli agenti non sia rito formale"

    • Cronaca

      Omicidio Dainotti, Valeria Grasso: "Irresponsabile lasciare liberi i boss"

    • Mafia

      Diciassette anni di tormenti: imprenditore denuncia il pizzo, 4 arresti ad Altofonte

    I più letti della settimana

    • Omicidio di mafia in via D'Ossuna, Giuseppe Dainotti ucciso in strada a colpi di pistola

    • Rapinatore e killer mafioso dal destino segnato, la storia del boss Dainotti: "Uccidetelo"

    • "Sesso con l'alunna di 14 anni": prof di religione finisce sotto processo

    • "Picchiata e violentata in uno scantinato", incubo per una donna alla stazione

    • Incidente sulla Palermo-Agrigento, coinvolte tre auto: giovane in prognosi riservata

    • Marito e moglie in manette: così l'eroina "palermitana" finiva nel chiosco di una scuola

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento