"Calunniò un collega", l'ex primario Matteo Tutino rinviato a giudizio

L'ex responsabile del reparto di Chirurgia plastica dell'ospedale Villa Sofia avrebbe accusato ingiustamente Dario Sajeva di truffa e falso in atto pubblico. La posizione di Sajeva fu poi archiviata

Matteo Tutino

Matteo Tutino, ex primario di chirurgia plastica nell'ospedale Villa Sofia, è stato rinviato a giudizio per calunnia nei confronti dell'ex primario dello stesso reparto, Dario Sajeva. Secondo le indagini condotte dalla Digos e dalla Guardia di finanza, Tutino avrebbe accusato Sajeva di truffa aggravata e falso in atto pubblico per avere tra il 2011 e il 2012 più volte falsificato le schede di dimissioni ospedaliere sugli interventi chirurgici da lui realizzati, in modo da aumentare il fatturato del reparto e ottenere maggiori rimborsi dal Servizio sanitario nazionale.

Tutino aveva parlato di doppio ricovero per gli stessi pazienti. Le accuse nei confronti di Sajeva erano state archiviate dal gip nel 2015. Il pm Laura Siani aveva chiesto rinvio a giudizio e ora il gup Filippo Serio ha accolto la richiesta e rinviato a giudizio Tutino. Il processo inizierà domani. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Che personaggio lui e Mr. X

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il racconto di un palermitano: "Ero con Fabrizio Corona, ecco come ci hanno aggredito nel bosco della droga"

  • Cronaca

    Neonata trovata morta nella culla, lacrime e disperazione alla Guadagna

  • Cronaca

    "Aiutatemi, ha ingerito qualcosa da terra" ma è hashish: bimba di 3 anni ricoverata

  • Mafia

    Pizzo, "legnate" agli incorruttibili e mazzette: così i boss gestivano l'ippodromo

I più letti della settimana

  • "Le chiamate arancine? Non vendetele", Antica Focacceria stoppata a Catania

  • Incidente a Verona, con la moto contro un Suv: muore palermitano di 23 anni

  • "Ma qua volete stare gratis? Smontate tutto": quando la mafia fa chiudere i ristoranti

  • Una mattinata di ordinaria follia: ruba auto a una donna, poi fugge e si schianta alla Noce

  • Si ribella al pizzo, filma il suo estorsore con una telecamera nascosta e lo fa arrestare

  • "Lo dobbiamo 'struppiare' al palermitano? Ci tiriamo 4 'scopettate' nella macchina..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento