Imprenditore si ribella al pizzo e incastra l'estorsore: Confartigianato parte civile

L'associazione di categoria sarà al fianco di Giuseppe Piraino, l'uomo che ha ripreso con una telecamera e fatto arrestare Luigi Marino, finito in manette nel corso dell'operazione Cupola 2.0: "Non lo lasceremo da solo neppure quando si spegneranno i riflettori sulla vicenda"

L’imprenditore edile Giuseppe Piraino

Confartigianato Imprese Palermo sarà parte civile al fianco di Giuseppe Piraino, l’imprenditore edile che ha ripreso con una telecamera e incastrato il suo estorsore Luigi Marino. La richiesta di pizzo è uno dei 28 episodi estorsivi emersi nel corso delle indagine dell'operazione Cupola 2.0 che ha portato all'arresto dell'erede di Totò Riina, Settimo Mineo, e di altre 47 persone. 

“Confartigianato - dice il presidente provinciale Giuseppe Pezzati – si schiera con i buoni. Siamo per le imprese e per incentivare una cultura d’impresa che dia il coraggio di portare avanti le proprie logiche senza piegarsi. Non lasceremo da solo Piraino, neppure quando si spegneranno i riflettori sulla vicenda". 

Filma il suo estorsore con una telecamera e lo fa arrestare

A seguire il percorso che è stato avviato dal momento in cui Piraino ha deciso di denunciare i suoi aguzzini sarà l’avvocato di Giuseppe Piraino, Marcello Montalbano, nonché legale di Confartigianato Imprese Palermo: "Saremo presenti all’udienza preliminare chiedendo di essere ammessi come parte civile, con la richiesta dei danni morali e materiali. È un segno importante che Confartigianato Imprese, si schieri accanto a Piraino, sostenendolo anche nel processo. Piraino non deve essere lasciato solo. Il suo invito alla denuncia deve essere sostenuto perché è l'unica via percorribile da coloro che vogliono dare un contributo al recupero e alla crescita economica e un futuro diverso alle nuove generazioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confartigianato imprese ricorda che, da maggio scorso in via Amari, è attivo uno sportello antiracket al quale chi ne avesse bisogno può rivolgersi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento