Depistaggio Borsellino, la rabbia di Fiammetta: "Nessuno vuole la verità..."

La figlia minore del giudice Paolo, al termine dell'udienza del processo che si celebra a Caltanissetta sulla conduzione delle indagini sulla strage di via D'Amelio, non nasconde l'amarezza: "Sembrano tutti passati lì per caso. Penso che di mio padre non abbia capito niente nessuno"

Fiammetta Borsellino

"C'è un'enorme difficoltà a fare emergere la verità. Non ho constatato da parte di nessuno una volontà di dare un contributo al di là delle proprie discolpe personali per capire quello che è successo e questo mi fa molto male. Io penso che di mio padre non abbia capito niente nessuno di questi magistrati". E' l'amara ammissione di Fiammetta Borsellino, figlia minore del giudice Paolo, al termine dell'udienza del processo sul presunto depistaggio sulle indagini sulla strage del 19 luglio 1992. Alla sbarra ci sono tre poliziotti, Mario Bo, Michele Ribaudo e Fabrizio Mattei, accusati di avere imbeccato il falso pentito Vincenzo Scarantino. In aula oggi è stato sentito l'ex pm e adesso consigliere del Csm Nino Di Matteo. 

Di Matteo: "Quando Bruno Contrada si allontanò con una borsa"

"Ho ascoltato molto attentamente la deposizione del consigliere Di Matteo - aggiunge la figlia del giudice ucciso nel 1992 - e rimango sempre stupita da questa difesa oltre che personale a oltranza di questi magistrati e poliziotti che si sono occupati dell'indagine sulla strage. Ma sembrano tutti passati lì per caso. Sembra che tutto quello che riguarda la vicenda di Scarantino e del depistaggio sia avvenuto per le virtù dello spirito santo - dice - Sembra che la vicenda Scarantino si solo un segmento molto piccolo di una indagine, anzi ha dato un'incidenza molto importante. Ci si riempie la bocca del lavoro in pool, ma tutte le volte in cui si chiede come mai non sapessero nulla dei colloqui investigativo cadono tutti dalle nuvole. Tutti dicono che sono venuti in un momento successivo - conclude - ma ciò non vuol dire non venire a sapere ciò che accadeva prima".

Il processo è stato rinviato a venerdì prossimo per sentire alcuni funzionari Dia. Nelle prossime udienze il tribunale deciderà anche sulla deposizione del magistrato Ilda Boccassini che, per motivi di salute, non potrà venire a Caltanissetta. La Procura ha chiesto di sentirla in videoconferenza o in trasferta a Milano, dove risiede.

(Fonte AdnKronos)

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • Va in ospedale per sospetta congiuntivite, due giorni dopo 30enne trovato morto in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

  • Coronavirus, positivo anche primario dell’ospedale Villa Sofia: è ricoverato al Cervello

  • Coronavirus, in Sicilia 68 nuovi contagiati: i morti superano quota 100

Torna su
PalermoToday è in caricamento