Corruzione, assoluzione definitiva per Francesco Cascio

Era accusato di avere fatto ottenere ad alcuni imprenditori dei finanziamenti per la realizzazione di un golf resort, ottenendo in cambio "lavori e servizi" per un'abitazione. Condannato in primo grado, la sentenza venne poi ribaltata

Francesco Cascio

E' diventata definitiva l'assoluzione dall'accusa di concorso in corruzione per Francesco Cascio, l'ex presidente dell'Assemblea regionale siciliana, che a causa della legge Severino aveva dovuto lasciare lo scranno dopo la condanna a due anni in primo grado.

La vicenda riguarda la presunta corruzione per la concessione di una finanziamento con fondi europei per la realizzazione di campi da golf a Collesano. La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso della procura generale di Palermo contro la sentenza della corte d'appello, che aveva assolto l'ex coordinatore regionale Forza Italia in Sicilia.

"Oggi per me è un giorno di grande soddisfazione ma non riesco a gioire dopo avere appreso dalla stampa del ritrovamento del corpo del Collega Liotta , porgo le mie condoglianze alla famiglia", si limita a dire Cascio che nel frattempo ha lasciato la politica per tornare a fare il medico dentista.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Ringraziate il "teste".

  • Questo assieme a micciche è uno da mandare a zappare le vigne!!!

  • Un'altro braccio levato all'agricoltura

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il ritardo dell’aereo, lo scalo a Bergamo e il viaggio in pullman: 8 ore per raggiungere Venezia

  • Cronaca

    A maggio un piano straordinario per ripulire la città, si parte dalle periferie

  • Politica

    Uno spazio verde nell'area della Fiera, Susinno: "Villa Piano delle Falde può rinascere"

  • Cronaca

    "Traditore della Sicilia", scritta su manifesto elettorale di Gelarda: la Lega insorge

I più letti della settimana

  • "Mi stanno ammazzando": i boia spaccavano le ossa nella stanza degli orrori di via Imera

  • La banda dei falsi incidenti: mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, 42 arresti

  • Mutilavano gambe e braccia per truffare le assicurazioni, i nomi degli arrestati

  • Omicidio in zona via Notarbartolo, strangola la compagna dopo una lite e si costituisce

  • Tragico incidente in auto, morto ragazzo palermitano di 20 anni

  • Uccisa dal compagno perché si è rifiutata di fare sesso: "L'ho strozzata con tutta la forza"

Torna su
PalermoToday è in caricamento