Guttuso di Carini, prima giornata della settimana della memoria “l’eco del silenzio”

Stamattina la visione di un video realizzato da alunni della scuola stessa e il cartone animato “La stella di “La stella di Andra e Tati”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Ha preso il via, questa mattina, con una visibile commozione di tutti gli alunni, e di tutti gli insegnanti, la “Settimana della Memoria 2019” programmata dal plesso Vanni Pucci dell’Istituto Comprensivo “Renato Guttuso” di Carini, diretto dal dirigente scolastico la professoressa Anna De Laurentiis. con il provocante titolo “L’eco del silenzio”, con un, neppure troppo velato riferimento, ai tanti silenzi del mondo. La mattinata ha preso il via con la visione del documentario realizzato, dagli studenti della classe 4 A, nel precedente anno scolastico, intitolato «Per dire “basta” alle barbarie dell’uomo». A seguire, sia nella prima giornata, la visione del cartone animato dal titolo “La stella di Andra e Tati”. In tarda mattinata è stata inaugurata la mostra di fotografie, di disegni e di pitture su tela dal titolo “Auschwitz dentro di noi perché non accada mai più…”. Domani continuerà la settimana con la visione del film “Jona che visse nella balena”. Come ha sottolineato il dirigente scolastico “È importante promuovere tra gli studenti, e in tutta la comunità scolastica, la conoscenza della Shoah. Perché solo attraverso la conoscenza si forma la coscienza critica necessaria per saper cogliere gli elementi della modernità che possono riproporre i germi di quello che la storia ha sconfitto”. Abbiamo voluto – hanno sottolineato gli insegnanti - un percorso di formazione e non una singola giornata di studio. E vogliamo farlo declinando questo percorso in diversi linguaggi, con video, libri, cartoni animati, in modo da rendere disponibili contenuti che siano adatti alle diverse fasi di crescita delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi.

Torna su
PalermoToday è in caricamento