Feltrinelli, presentazione del libro "Fare del male non mi piace" di Giusy La Piana

Giusy La Piana presenta a Palermo il suo nuovo libro Fare del male non mi piace. La carriera criminale di Bernardo Provenzano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Lunedì 28 novembre, alle ore 18, la Feltrinelli di Palermo ospiterà la presentazione del nuovo libro di Giusy La Piana.

FARE DEL MALE NON MI PIACE.La carriera criminale di Bernardo Provenzano (Castelvecchi Editore) è il titolo del libro.

Con l'autrice interverranno il sociologo Francesco Pira e la giornalista Antonella Folgheretti.

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti, uomo innamorato e, infine, anziano che vuole far credere di vivere come un atavico pecoraio in un fatiscente casolare. Bernardo Provenzano, u tratturi, il capo di Cosa Nostra dal 1993 al 2006, non ha mai creduto di essere un criminale. «Che Dio ci protegga nonostante tutto quello che dicono» si legge in uno dei suoi pizzini. È stato catturato dopo oltre quarant'anni di latitanza e ha trascorso dieci anni in regime di 41 bis, ma tutto questo non è servito a farlo collaborare con la giustizia. Non si è sentito nel torto quando serviva e riveriva Michele Navarra, quando finiva i rivali a colpi di pistola, quando i suoi nemici venivano sciolti nell'acido, quando imponeva il pizzo, quando organizzava le stragi di Falcone e Borsellino. La giornalista Giusy La Piana ricostruisce in questo libro la storia di uno tra i più efferati criminali italiani, una storia di Mafia che ha lasciato tracce indelebili nella vita politica e sociale italiana.

Giusy La Piana

Giornalista e scrittrice, è autrice di saggi, testi teatrali, televisivi e musicali. È specializzata in Scienze criminologico-forensi, Psicologia investigativa, giudiziaria e penitenziaria. Criminologa della Società Italiana di Criminologia, ha condotto ricerche su cultura, scrittura e strategie di comunicazione mafiosa.

Torna su
PalermoToday è in caricamento