Negozi nascosti dagli alberi, Reina: "Urge potatura, a rischio alcune attività commerciali"

IV Cicoscrizione. Gli alberi di via Marinuzzi e di piazza Turba hanno invaso non solo le strade, ma persino le abitazioni e i negozi. Il consigliere Reina: "Urge potatura"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Gli alberi di via Marinuzzi e di piazza Turba hanno invaso non solo le strade, ma persino le abitazioni. Una situazione che sta creando non pochi disagi ai cittadini e soprattutto ai commercianti della zona". Questa la denuncia di Luca Reina, consigliere della IV circoscrizione.

"Dopo note, solleciti e segnalazioni - continua il consigliere - i rami degli alberi hanno invaso i balconi delle case, rendendo quasi impossibile l'accesso. Ma il dato più preoccupante riguarda i piccoli commercianti della zona, i cui negozi non sono più visibili dalla strada, con le vetrine completamente oscurate dalle chiome degli alberi (come si vede nella foto allegata, ndr). Un disagio che ha portato anche ad una spiacevole conseguenza. Alcuni negozianti hanno registrato un ulteriore calo delle vendite, proprio perché i passanti non riescono più a vedere i propri negozi.

Insieme ai consiglieri Tuzzolino e Mancuso - spiega Reina - abbiamo inoltrato decine e decine di segnalazioni, ma nulla è stato fatto, ad eccezione di pochi alberi potati singolarmente. Un comportamento che non ha alcun senso logico, se non quello di favorire gli amici di turno.

Considerando che il personale addetto alla potatura non manca, nell'interesse dei cittadini e dei commercianti che porprio a causa degli alberi incolti rischiano la chiusura - sottolinea il consigliere - chiedo all'Amministrazione comunale delucidazioni in merito al servizio, come cioè abbia intenzione di procedere, e sollecito un intervento immediato, prima che si verifichino incidenti che possano mettere a rischio l'incolumità dei cittadini".

Torna su
PalermoToday è in caricamento