La cucina siciliana conquista New York: apre la pizzeria "Filaga"

Il proprietario, Vincenzo, negli anni Ottanta ha lasciato il piccolo borgo in provincia di Palermo per tentare la fortuna negli Stati Uniti. Il ricordo di casa rivive nel suo locale a Chelsea Market

Apre a New York "Filaga", la prima pizzeria e rosticceria siciliana all’interno del famoso Chelsea Market. Non solo pizza, "Filaga" vuole portare il concetto di rosticceria nella Grande Mela. Accanto alle pizze al taglio ci saranno anche arancine sicilaine, calzoni, sfincioni, panelle, crocchette di patate. La tradizione sicula di consumare un pezzo di rosticceria e di tavola calda al bancone o da portare a casa, si incontra con quella newyorchese di un pasto veloce.

filaga2-2"Papà" della pizzeria è Vincenzo (nella foto a destra) che negli anni Ottanta ha lasciato Filaga, piccolo borgo in provincia di Palermo, per tentare la fortuna negli Stati Uniti. Il ricordo di casa, del profumo del pane appena sfornato e della pizza cotta nel forno a legna sono oggi alla base del suo locale. I suoi clienti troveranno ingredienti freschi e naturali, mozzarella campana, olio siciliano, verdure delle vicine campagne dell’Upstate NY e del New Jersey, lievitazione naturale.
L'ambientazione però, con le caremiche e gli arredi, li porterà in Sicilia. Un pezzetto di Filaga arriva così a pochi passi dalle High Line e dal nuovo Whitney Museum progettato da Renzo Piano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento