Corteo degli studenti per le vie del centro: "Vogliamo servizi, dignità e sicurezza"

Presidio in piazza Pretoria. I ragazzi chiedono di incontrare il sindaco Leoluca Orlando e le altre figure istituzionali che hanno competenze in merito all’edilizia scolastica "per consegnare loro un dossier che raccoglie tutte le problematiche"

Centinaia di studenti, attraverso cortei spontanei e non autorizzati, hanno attraversato via Maqueda, per raggiungere Palazzo delle Aquile, sede del Comune. Una protesta nata per chiedere più fondi per la scuola. "Fondi, servizi, agibilità, lo studente vuole dignità", "noi in classe a congelare, nei vostri palazzi clima tropicale", alcuni degli slogan scanditi durante il percorso. 

In piazza delegazioni del liceo scientifico Benedetto Croce, liceo classico Umberto I, liceo scientifico Cannizzaro, liceo Coreutico Regina Margherita, IISS Ernesto Ascione, liceo classico Vittorio II, liceo scientifico Galilei, liceo artistico Damiani Almeyda, liceo scientifico Einstein, dell'istituto magistrale Finocchiaro Aprile.

Da diverse settimane, gli studenti di più scuole protestano per il malfunzionamento degli impianti di riscaldamento e le condizioni inadeguate in cui versano gli edifici scolastici. 

"Siamo studenti! Vogliamo servizi dignità e sicurezza. Da mesi segnaliamo la presenza di danni gravi alle strutture e la mancanza di riscaldamenti nelle aule. Mentre noi stiamo in classe a congelare, dentro i Palazzi le temperature e le condizioni sono ben altre", dice Giovanni Siragusa, rappresentante del liceo scientifico Benedetto Croce.

I rappresentanti di istituto chiedono di incontrare il sindaco Leoluca Orlando e le altre figure istituzionali che hanno competenze in merito all’edilizia scolastica, per consegnare loro un dossier che raccoglie tutte le problematiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo costretti a subire gli effetti dei tagli alla scuola pubblica. Abbiamo deciso di metterli per iscritto e portarli al Sindaco di Palermo. Pretendiamo che le nostre richieste vengano accolte e che tutti problemi che abbiamo segnalato vengano risolti nel più breve tempo possibile. Non possono continuare a ignorarci", aggiunge Ludovica Di Prima, rappresentante del liceo classico Umberto I.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento