Piazza Lolli: "E' ancora degrado"

Atti vandalici ai monumenti, le palme della piazza ormai morte, prato non curato, la fontana piena di rifiuti, cespugli che sporgono nei vialetti e molti altri problemi raccontati attraverso le foto degli attivisti

Atti vandalici ai monumenti, le palme della piazza ormai morte, prato non curato, la fontana piena di rifiuti, cespugli che sporgono nei vialetti e molti altri problemi raccontati attraverso le foto degli attivisti. L'associazione "Progetto Sicily Reborn" e il "Movimento Obiettivo Cambiamento" tornano a piazza Lolli.

Insomma una piazza abbandonata a se stessa. E' questo che un palermitano comune pensa di fronte alla situazione in cui versa la centralissima piazza sita in Via Dante. Alcuni mesi fa, proprio su PalermoToday, furono segnalate le condizioni in cui versava la piazza. Oggi, dopo alcuni mesi, gli attivisti del Movimento Obiettivo Cambiamento e dell'Associazione Progetto Sicily Reborn sono tornati sul posto per valutare se fossero stati effettuati gli interventi di cui la piazza aveva bisogno.

"Purtroppo - si legge in una nota - da quello che si può evincere dalle foto scattate oggi, non solo non è stato effettuato nessun intervento ma, se possibile, le condizioni della piazza sono addirittura peggiorate. Ecco un breve elenco dei problemi di Piazza Lolli segnalati dagli attivisti di Obiettivo Cambiamento e di Sicily Reborn:

"Il prato - si legge - versa in condizioni pietose, con erbacce che invadono tutto il prato. Alcuni rami dei cespugli sporgono nelle stradine interne al parco, cosa che infastidisce i non vedenti di passaggio nella piazza; la pompa di benzina in disuso, presente nella piazza, è stata vandalizzata. Gli erogatori sono stati distrutti e presentano fili scoperti potenzialmente dannosi. Inoltre i vetri delle finestre e degli erogatori della pompa di benzina sono stati rotti e i cocci sono sparsi per terra (potenziale danno per animali e persone); la fontana della piazza va ripulita. L'acqua non è cambiata regolarmente e gli effetti si notano subito. Inoltre sono presenti, all'interno della fontana, numerose bottiglie di birra vuote e rifiuti urbani di vario tipo; le palme della piazza versano in condizioni di abbandono totale. I tronchi sono pieni di buchi e le fronde delle palme risultano piegate all'indietro (tipico segno della presenza di coleottero rosso)".

"La statua di Giovanni Meli - continuano - risulta vandalizzata dai graffitari. I graffiti andrebbero ripuliti non solo dalla statua, ma da tutte le superfici della piazza. Andrebbe fatta una pulizia straordinaria, sul modello di Piazza Franchi-Ingrassia, per togliere tutti i rifiuti urbani presenti nella piazza. Le panchine sono state vandalizzate e risultano quindi inutilizzabili".

"Come si può vedere da questa lunga lista - concludono - piazza Lolli presenta numerosi problemi, figli del disinteresse degli organi competenti. Non è possibile che le nostre piazze si riducano ogni volta in queste condizioni pietose. Da scrivente, mi unisco all'appello delle due associazioni, le quali fanno un triplice appello: all'Amia si chiede di ricorrere ad una pulizia straordinaria della piazza, per rimuovere quantomeno i rifiuti urbani e i cocci di vetro presenti nella zona della pompa di benzina; all'Assessorato all'Ambiente del Comune di Palermo si chiede invece di elaborare un piano di riqualificazione di Piazza Lolli, la quale necessita di numerosi interventi, alcuni elencati sopra; l'ultimo appello viene invece rivolto a quella parte di cittadinanza che ha contribuito a ridurre la piazza in questo stato. A loro si chiede semplicemente di rispettare i luoghi pubblici della nostra città. Palermo è la casa di tutti i palermitani, quindi danneggiare una parte di essa significa in fondo danneggiare la nostra grande casa comune e la cittadinanza tutta".


 




 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Più di 7 milioni di euro di immobili all'asta, come aggiudicarsi le 36 case in viale del Fante

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento