Brancaccio, coltivavano marijuana dentro due appartamenti: arrestati suocera e genero

Le due case oltre a far parte della stessa palazzina erano alimentate dallo stesso contatore. Sequestrate 46 piante, alte circa un metro ciascuna, oltre a 250 grammi di droga, lampade alogene, bilancini di precisione e altro materiale elettrico utile alla coltivazione

Una delle due piantagioni

Scoperte due piccole piantagioni indoor di marijuana a Brancaccio. Le coltivazioni si trovavano dentro due appartamenti, abitati da due famiglie imparentate, della stessa palazzina: uno al piano terra e l'altro al primo piano. In arresto per il reato di produzione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti sono finiti una donna 60enne, T. C. e il genero 43enne, D.M.A.. Quarantasei in tutto le piante, alte circa un metro ciascuna, sequestrate dalla polizia, oltre a marijuana essiccata per un peso di 250 grammi, lampade alogene, bilancini di precisione e altro materiale elettrico utile alla coltivazione e alla crescita delle piante.

L'appartamento al piano terra era abitato da una coppia di coniugi mentre in quello al primo piano viveva la suocera dello sposo. Gli agenti hanno scovato prima la piantagione presente nell'appartamento al primo piano, allestita nel soggiorno. La casa era alimentata dal contatore elettrico dell'altro appartamento al piano terra, così i poliziotti hanno trovato la seconda piantagione di marijuana, illuminata da lampade alogene e fornita di tutto il necessario per la coltivazione e il confezionamento della sostanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento