Piantagione di cannabis in un casolare immerso tra i fichi d'india: due arresti

E' successo a Marineo. L'immobile era munito di videosorveglianza con ben due telecamere e veniva illuminato e riscaldato con luce rubata. Scoperte e sequestrate 557 piante alte oltre un metro e 587 vasi pieni di germogli

Scoperta una piantagione indoor con 557 piante di cannabis, alte oltre un metro, e 587 vasi pieni di germogli in un casolare a Marineo. Due le persone finite in arresto con l’accusa di coltivazione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente: Roberto Di Gregorio, 30 anni, e Giuseppe Terranova, 38 anni.

L'immobile si trova in contrada Pianetto/Cascavaddotti ed è circondato da una fitta coltivazione di fichi d’india. A ispezionarlo, ieri mattina, sono stati i carabinieri della stazione di Villagrazia: la costruzione, grande circa 65 metri quadrati, è suddivisa in quattro ambienti principali tra loro comunicanti e tre disimpegni – servizi di piccole dimensioni, all'interno delle quali erano state ricavate altrettante serre, di cui una realizzata attraverso la collocazione di una parete di cartongesso.

"Gli ambienti - spiegano dal Comando - erano ben isolati dall’esterno, l'aria era purificata grazie all'utilizzo di filtri e riscaldato dall'impianto di condizionamento. L'impianto elettrico, invece, era composto da ben 34 reattori e 2 quadri elettrici muniti di temporizzatori per regolare l’accensione di ben 34 lampade da 600 Watt ciascuna nonchè portalampade e pannelli riflettenti vari. Infine il casolare era munito di un impianto di videosorveglianza con due telecamere e un modem dotato di scheda".

I militari, con l'ausilio dei tecnici di Enel distribuzione, inoltre hanno accertato che il casolare era allacciato abusivamente alla linea elettrica pubblica. Durante il blitz, Di Gregorio e Terranova sono stati sorpresi a bordo di una Fiat 600 mentre entravano nel casolare attraverso un cancello chiuso con catena e lucchetto. Per questo i due sono finiti in manette. Dovranno rispondere anche dell’accusa di furto di energia elettrica: sono stati trasferiti nel carcare di Termini Imerese. La droga è stata inviata al laboratorio analisi del comando provinciale carabinieri di Palermo per le analisi qualitative e quantitative.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento