Aeroporto, la pasticceria Palazzolo rimarrà aperta: Santi vince l'arbitrato

Per la Gesap, società di gestione dello scalo palermitano, il contratto era scaduto lo scorso 28 febbraio e la pasticceria doveva chiudere. Palazzolo: "Abbiamo sempre avuto fiducia nella giustizia"

Da sinistra a destra Vera Abbate (Pd), Santi Palazzolo e Carmelo Miceli (Pd)

La pasticceria Palazzolo dell'aeroporto internazionale Falcone e Borsellino di Palermo non chiuderà. L'attività, finita sulle prime pagine dei giornali perchè il titolare Santi Palazzolo ha fatto arrestare Roberto Helg (poi condannato a 4 anni e 8 mesi) mentre intascava una tangente, rimarrà aperta almeno fino al 2018. Lo ha stabilito la sentenza del lodo arbitrale che ha visto l'avvocato nominato dal pasticcere confrontarsi con quello nominato dalla Gesap, la società di gestione dello scalo palermitano che aveva negato questa possibilità all'imprenditore di Cinisi sostenendo che il contratto è scaduto lo scorso 28 febbraio. Il presidente nominato dal tribunale per il lodo arbitrale, dopo aver ascoltato le motivazioni di entrambe le parti si è espresso dando ragione a Palazzolo, secondo il quale il rinnovo era previsto in una clausula contrattuale.

Questo il commento del segretario Pd di Palermo che ha dato la notizia:

Miceli chiede all'attuale sindaco di scusarsi perchè Leoluca Orlando in una lettera inviata alla Gesap aveva chiesto di non fare favoritismi: "L'aver doverosamente denunciato l'illecita richiesta di denaro da parte dell'allora Presidente della Camera di Commercio, Roberto Helg, non può essere oggi un pretesto per chiedere la violazione di leggi o addirittura la perpetrazione di favoritismi di ogni genere - affermava il sindaco, Leoluca Orlando -. La Sicilia è stanca di scorciatoie e scampoli di favoritismi pretesi da quanti si auto-dichiarano rappresentanti dell'antimafia".

"I nostri diritti sono stati riconosciuti - afferma Santi Palazzolo a PalermoToday - e potrò quindi continuare a lavorare fino al 2018. Abbiamo sempre avuto fiducia nella giustizia e quello che è successo oggi dimostra che la nostra idea era valida".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento