Passante, dopo le proteste arriva la tregua: operai tornano nei cantieri

Lo annunciano i sindacati: “I lavoratori hanno deciso di fermare le proteste perché,con senso di responsabilità, vogliono aspettare gli sviluppi della vicenda"

Cantiere del passante ferroviario

Una “tregua”, ovvero una sospensione delle iniziative di protesta, è stata stabilita oggi al termine dell’assemblea dei lavoratori del cantiere del passante ferroviario. Lo annunciano i sindacati in una nota.

“Gli operai - dichiarano Ignazio Baudo (Feneal Uil), Paolo D’Anca (Filca Cisl) e Francesco Piastra (Fillea Cgil) - hanno deciso di fermare le proteste perché, con senso di responsabilità, vogliono aspettare gli sviluppi della vicenda, attesi per il mese prossimo. Dopo l'incontro del 7 giugno, si sta valutando la possibilità di far realizzare da Sis la parte principale del passante ferroviario per poi far completare dalla stessa azienda la realizzazione della stazione di Capaci, del doppio binario Notarbartolo – aeroporto e della stazione di San Lorenzo. Vogliamo dare un’ulteriore apertura di credito – affermano Baudo, D’Anca e Piastra –  all’ente e all’azienda, nell’auspicio che si salvaguardino i livelli occupazione e che si porti a termine un’infrastruttura fondamentale per tutto il territorio”. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scene da far west ai Danisinni, sparatoria in strada: tre feriti, coinvolta una ragazza

  • "Battute sui siciliani": milanese cacciato da un b&b in centro

  • La mafia imponeva i suoi buttafuori nei locali notturni: scattano 11 arresti

  • Suicidio in carcere, detenuto palermitano di 20 anni si toglie la vita

  • I boss decidevano i buttafuori dei locali: ecco i nomi di tutti gli arrestati

  • Precipita da una balconata: grave giovane palermitano

Torna su
PalermoToday è in caricamento