Incassa il reddito di cittadinanza ma lavora (in nero) in un panificio, denunciato

Succede a Partinico, dove un 38enne adesso rischia di finire in carcere. La finanza lo ha scoperto nel corso di una verifica fiscale nell'esercizio commerciale. Trovati altri tre dipendenti in nero e ricavi non dichiarati dal titolare dell'attività per per oltre 275.000 euro

Lavorava in un panificio, in nero, e allo stesso tempo percepiva il reddito di cittadinanza. Un 38enne di Partinico, V.O., è stato scoperto dalla guardia di finanza e denunciato con conseguente sequestro della carta utilizzata per percepire il sussidio. Adesso rischia la reclusione da due a sei anni per il reato di "indebita percezione" e da due a sette anni per "truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche".

Le fiamem gialle sono arrivate all'uomo nel corso di una verifica fiscale in un panificio. Oltre al 38enne c'erano altri tre lavoratori, tutti in nero.  Oltre alle contestazioni previste dalla normativa in materia di lavoro, è stata avanzata all’Ispettorato del Lavoro la proposta di sospensione temporanea dell’attività commerciale. I successivi accertamenti eseguiti dai finanzieri nel corso della verifica fiscale hanno svelato ricavi non dichiarati per oltre 275.000 euro e un’evasione dell’Iva per oltre 15 mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

Torna su
PalermoToday è in caricamento