Lo schianto in autostrada, l'addio di Partinico al piccolo Francesco: "Sei un raggio di luce"

Nella chiesa Maria Santissima degli Agonizzanti i funerali di Francesco Provenzano, il tredicenne morto nell'incidente avvenuto sulla A29 all'altezza di Alcamo. Era in auto con il padre, adesso indagato per omicidio stradale, e il fratellino di nove anni, quest'ultimo ricoverato in condizioni disperate a Villa Sofia

Gli amici che hanno voluto "scortare" il feretro in bicicletta fino alla chiesa, i palloncini bianchi fatti salire verso le nuvole, gli applausi. Un'intera cittadina, Partinico, oggi si è ritrovata nella chiesa Maria Santissima degli Agonizzanti per salutare Francesco Provenzano, il tredicenne morto nell'incidente avvenuto nella tarda serata di venerdì sulla A29 all'altezza dello svincolo di Alcamo. 

Incidente sulla A29, auto contro il guardrail: muore 13enne, gravissimo il fratello

Il ragazzino era in auto con il padre e il fratellino di nove anni, che lotta ancora tra la vita e la morte nell'ospedale di Villa Sofia, quando l'uomo ha perso il controllo del mezzo finendo fuori strada. Anche il padre, Fabio, è rimasto ferito ed è ricoverato, ma secondo i medici non è in pericolo di vita. A suo carico è stato aperto un fascicolo per omicidio stradale.

La piccola bara bianca, portata in spalla dai parenti, è stata accolta da un lungo applauso all’ingresso della chiesa. "Oggi Francesco è un raggio di luce – ha detto Don Giuseppe Vasi durante l’omelia – e la sua luce continuerà a guidarci e adessere un punto di riferimento per tutti noi. Prega per noi e per i tuoi familiari, specialmente per il piccolo fratellino, affinché le nostre lacrime siano segni di luce”.

L'arcivescovo di Monreale Michele Pennisi, dalla Terrasanta dove si trova in pellegrinaggio, ha inviato un messaggio ai familiari del bimbo e alla comunità esprimendo vicinanza. "Lo scorso mese di maggio ho cresimato Francesco - scrive Pennisi - e prego il Padre ricco di misericordia perchè lo accolga nel suo Regno di luce e di pace assieme agli angeli e i santi e perchè conceda ai familiari, ai parenti e agli amici la consolazione della fede e della speranza cristiana nella vita eterna. Prego Dio anche per il piccolo Anthony, che lotta fra la vita e la morte. A partire da questa e da altre tragedie invito tutti a rispettare le regole del codice della strada per tutelare la vita e la salute di tutti".  

Il video girato dal papà prima dello schianto

La dinamica dell'incidente è ancora tutta da chiarire. In particolare al vaglio degli inquirenti c'è un video girato dal padre e pubblicato su Facebook (poi rimosso ndr) girato a bordo dell'auto e che potrebbe essere stato realizzato proprio negli attimi del tragico schianto. Si sente il rombo del motore e in primo piano c'è il volto di Fabio Provenzano. Poi improvvisamente lo schermo diventa nero.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

Torna su
PalermoToday è in caricamento