Partinico, colle Cesarò a rischio frane: sì al completamento della messa in sicurezza

Si tratta del terzo e ultimo stralcio di lavori affidati dall'Ufficio regionale contro il dissesto idrogeologico all'impresa Tecnosystem di Policoro. Un cedimento del costone roccioso metterebbe a rischio sia la statale 186 sia i serbatoi idrici comunali

Verrà completato, dopo circa cinque anni dall'ultimo intervento, il consolidamento di Colle Cesarò a Partinico. Si tratta del terzo e ultimo stralcio di lavori che l'Ufficio contro il dissesto idrogeologico, guidato dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, ha affidato all'impresa Tecnosystem di Policoro, in Basilicata, che se li è aggiudicati per circa quattrocentomila euro.

A breve, dunque, sarà messo in sicurezza quel tratto di costone roccioso che, in più parti, presenta evidenti segnali di un possibile cedimento: un'eventualità, questa, che potrebbe compromettere soprattutto l'integrità dei serbatoi comunali che si trovano a valle e che vengono utilizzati per accumulare l'acqua proveniente dai pozzi e che poi viene dirottata in paese. Ma a forte rischio, finora, è stato anche quel tratto della statale 186 che scorre ai piedi del colle.

Per scongiurare che i massi più instabili, staccandosi, possano eventualmente raggiungere la strada e i casolari dove si raccolgono le risorse idriche, sarà anzitutto realizzata, sul fronte più a est del pendio, una barriera a elevato assorbimento di energia. E', inoltre, prevista l'applicazione di pannelli di rete d'acciaio a doppia torsione rinforzati con funi dello stesso materiale. Infine, le ispezioni effettuate a parete potranno consentire di individuare gli elementi di roccia che sono in precario equilibrio e che dovranno essere puntellati singolarmente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

  • Incidente nella notte ad Altofonte, scontro frontale tra auto: morto 31enne

Torna su
PalermoToday è in caricamento