Musica, danza all'aperto e degustazioni, parte "Ballarò di Primavera"

Un mese di iniziative - dall'1 al 31 maggio - per valorizzare il centro storico e le isole pedonali. "Speriamo - dice il presidente di Amici dei musei Bernardo Tortorici - che non finisca come il Panormvs Street Food, cosa che ci farebbe scadere in una piccola provincia"

Un momento della conferenza di presentazione - foto Bonfardino

Valorizzare le isole pedonali, far rivivere luoghi dimenticati o inediti, far risorgere la Palermo antica, coniugando il passato prestigioso del capoluogo con la tecnologia e la speranza di un futuro in cui la città riesca a vivere di turismo. Sono gli obiettivi della prima edizione di "Ballarò di Primavera 2015", la rassegna promossa e organizzata dal comitato cittadino "Ballarò significa Palermo" (Ars Nova, Italia Nostra-Palermo, Kleis, Culturae, Insieme per la Cultura), con il patrocinio gratuito del Comune e della presidenza del Consiglio comunale, presentata questa mattina a Palazzo delle Aquile. 

Un ricco programma di appuntamenti - sulla scia di quanto già iniziato nel 2013 da "Ballarò d'autunno" e dal "Festival di Rosalia" - che partiranno il primo maggio e continueranno fino alla fine del mese, coinvolgendo il contesto intorno al quale è situato il mercato di Ballarò. Da piazza Bologni a Casa Professa, dalla Chiesa di San Giovanni Decollato, alle Case romane, passando per la Chiesa della Madonna della Soledad e quella di Santa Cristina la Vetere. E ancora la Cappella delle Dame, Villa Bonanno e il Campanile di San Giuseppe Cafasso, fino ad arrivare al cuore pulsante degli storici mercati di Ballarò e del Capo. Per l'occasione è stata creata "Sicilia Passepartour", un'apposita card prepagata dal valore di 15 euro, che garantisce l'accesso gratuito a quattro siti, più una degustazione, una riduzione sugli altri e sconti presso hotel, ristoranti e teatri. La carta, promossa da Diamond Card, potrà essere acquistata o online o nei punti autorizzati (alberghi, stazioni ferroviarie, info point). 

Tante anime e tanti luoghi che si incontrano e miscelano. Dai migranti alle confraternite religiose, dagli artisti agli abitanti del centro storico tra musica, danza, teatro e tante degustazioni. Una narrazione di Palermo partendo dai suoi luoghi e dalla sua gente. Si parte i primi di maggio con un grande villaggio dell'intercultura tra Casa Professa e Santa Chiara, poi il gran ballo di Primavera che farà diventare piazza Bologni tra il 9 e il 10 maggio una vera balera all'aperto

Non mancheranno itinerari culturali, visite dei monumenti, processioni, sacre rappresentazioni e spettacoli teatrali con Salvo Piparo, Costanza Licata, Gianni Gebbia, Rosemary Enea e Simona Malato che si esibiranno on piazza casa Professa, in piazza Bologni e a San Giovanni Decollato. E ancora l'iniziativa "Incontriamoci per la Legalità" in piazza Bologni, in occasione delle Falconiadi, tra il 22 e il 24 maggio. Appuntamento fisso, poi, in piazza Bologni tutti i venerdì e sabato alle 18 e la domenica alle 11 con Speaker's corner, l'angolo dell'oratore, un nuovo momento di partecipazione e narrazione cogestito dai Licei Croce e Vittorio Emanuele II sul modello londinese. Il tutto si concluderà tra il 29 2 31 maggio con una grande sfilata di Primavera dei Centri aggregativi del Coordinamento Albergheria e Capo insieme, sempre in piazza Bologni. 

"Ciò che vogliamo portare avanti - spiega Giulio Pirrotta, ideatore dell'iniziativa e presidente di Ars Nova - è un percorso di ricostruzione dello spirito della città. Dalla presentazione delle bellezze alla cultura del cibo: l'idea è che la narrazione sia un tessuto di base per mantenere e costruire identità". Presente alla presentazione anche il presidente del Consiglio comunale Totò Orlando e della Commissione Attività Produttive, Paolo Caracausi. "Ci riteniamo parte integrante di questo progetto. Da due anni proviamo a rendere aperto questo Palazzo. Abbiamo fatto uno sforzo immane per liberare le auto dalle piazze, il passaggio successivo è quello di non far passare il messaggio che una volta liberate restino desertificate". 

Non si sono fatti attendere riferimenti e critiche alla prima edizione della rassegna Panormvs Street Food, che si è svolta dieci giorni fa in piazza San Domenico. "Dobbiamo fare delle cose belle - ha detto Bernardo Tortorici, presidente di Amici dei musei - non di certo come lo street food, che ci farebbe scadere in una piccola provincia". Spazio infine anche alle parole di una donna marocchina che da sette anni vive a Palermo, che parteciperà attivamente alla rasegna. "L'italia - commenta - è ormai la nostra prima casa. Viviamo più qui che nel nostro Paese. Abbiamo scoperto tante cose belle ma anche brutte. Ma l'unica cosa certa è che quando c'è vita c'è tutto". 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di coimbra
    coimbra

    BRAVO bennardo. non fare gli stessi errori di piazza san domenico,dove non c'era un gabinetto chimico,un cassonetto x l'immondozia,e poi se lo fai a ballaro',ti consiglio di dire ai pompieri di puntellare tutti i balconi del mercato che sono tutti pericolanti,pericolosi e le balate sono tutte staccate e si girano quando cammini.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    L'omicidio di via Falsomiele: "Moglie e figli vittime di terrore e violenze"

  • Cronaca

    Piazza Bologni, venditore di rose ferito alla testa da una baby gang: cinque denunce

  • Elezioni

    Saverio Romano pronto a prendere il posto di Orlando: "Mi candido come sindaco"

  • Cronaca

    "Carenze igienico sanitarie e cibo non tracciato": sequestrati 35 chili di alimenti e un laboratorio

I più letti della settimana

  • Il racconto di un palermitano: "Ero con Fabrizio Corona, ecco come ci hanno aggredito nel bosco della droga"

  • Ex militare ucciso nel sonno da moglie e figli, "Accoltellato con lame da macellai"

  • Incidente a Verona, con la moto contro un Suv: muore palermitano di 23 anni

  • Omicidio in via Falsomiele, uccide il marito a coltellate e poi chiama il 118: "Venite subito"

  • "Ma qua volete stare gratis? Smontate tutto": quando la mafia fa chiudere i ristoranti

  • Neonata trovata morta nella culla, lacrime e disperazione alla Guadagna

Torna su
PalermoToday è in caricamento