Ferragosto, un panettone fuori stagione per aiutare la ricerca

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Panettone a Ferragosto a Mondello. Non è uno scherzo fuori stagione, ma l’oggetto della nuova campagna di prevenzione sulla talassemia e in particolare per raccogliere fondi da destinare al potenziamento della celocentesi. Un’iniziativa promossa dall’associazione Piera Cutino che ha realizzato con fondi privati e gestisce con l’Azienda Villa Sofia - Cervello il Campus di Ematologia dell’Ospedale Cervello. Sabato 15 agosto dalle 10 alle 18 i volontari dell’Associazione saranno nella piazza di Mondello, sotto l’ombrellone, con il loro panettone “pre-natale”, prodotto per l’occasione dalla ditta Fiasconaro di Castelbuono. Con un’offerta di 11 euro si potrà gustare il panettone e aiutare la ricerca sulla diagnosi prenatale.

“Con questa inusuale iniziativa che lanciamo a ferragosto – afferma Giuseppe Cutino, consigliere dell’associazione – vogliamo raggiungere due importanti obiettivi: parlare di talassemia, malattia ancora poco conosciuta sebbene molto diffusa soprattutto in Sicilia e raccogliere fondi da destinare alla prevenzione. Infatti, se da un lato la nostra attività si rivolge al miglioramento della qualità della vita di tanti pazienti attraverso il sostegno al Campus Cutino e alla ricerca scientifica per raggiungere la guarigione, dall’altro vogliamo pensare anche a tutte quelle giovani coppie che si trovano davanti al rischio di mettere al mondo un bambino malato. La prevenzione per noi è un importante strumento di consapevolezza che può offrire alla coppia la possibilità e la libertà di scegliere come procedere. Questa iniziativa pre-natale – continua Cutino – è una strana idea che ci è venuta in mente per provare a trattare di questi temi in maniera diversa e leggera. Con un sorriso e una fetta di panettone si può fare del bene anche in riva al mare per ferragosto!”

 “La Celocentesi – spiega Aurelio Maggio, direttore del Campus di Ematologia Cutino all’Ospedale “Cervello” di Palermo - è una diagnosi prenatale precoce che permette di stabilire, già alla settima settimana di gravidanza, se il bambino è affetto o meno da talassemia. I ricercatori del Campus di Ematologia Cutino stanno lavorando intensamente per far in modo che possa essere adottata anche per altre malattie cromosomiche rare come la Sindrome di Down. Il Campus di Ematologia dell’Ospedale “Cervello” è l’unica struttura in tutta Italia presso cui è possibile eseguire la Celocentesi”. 
Per ulteriori informazioni sull’associazione e sulla celocentesi www.pieracutino.it o pagina facebook https://www.facebook.com/pieracutino


 

Torna su
PalermoToday è in caricamento