Palermo Pride, il corteo slitta a settembre: "Celebriamo il nostro orgoglio tutti i giorni"

Originariamente era previsto per il 28 giugno. Massimo Milani: “Rispetteremo la centralità della giornata internazionale dell'orgoglio Lgbt con una serie di importanti eventi"

Palermo Pride - foto archivio

Si allunga l'estate del Palermo Pride: il corteo sarà a settembre (manca ancora la data ufficiale ndr). "Il direttivo - si legge in una nota - ha ritenuto opportuno posticipare la tradizionale parata, prevista per giugno, al mese di settembre. Le ragioni dietro questa decisione sono diverse: in primo luogo, prolungare l'intera manifestazione facendola iniziare come sempre a maggio ma facendola terminare alla fine dell'estate, consente di non rinunciare a un Village che rilegga e migliori il modello dello scorso anno. Al direttivo sembra opportuno pianificare con i dovuti tempi l'organizzazione di un Village che sia di richiamo nazionale e internazionale in linea con un anno importante per la città: tra il riconoscimento di Capitale Italiana della Cultura e la moltitudine di eventi per la Biennale Manifesta, sarà un'ulteriore occasione per evidenziare il felice rapporto tra il Pride, la città di Palermo e le sue istituzioni".

Organizzare la parata oltre la stagione dei Pride e posticiparla a settembre significa anche "dare vita a un intero mese all'insegna delle rivendicazioni Lgbtq+: a settembre sono infatti previste due importanti manifestazioni nazionali che sono 'Educare alle Differenze' e il convegno dell'associazione italiana sociologia sui temi del genere, esattamente il tema al quale è dedicato il Pride di quest'anno, 'De Genere'".

A queste ragioni, spiegano i promotori, si aggiunge il desiderio di tenere a Palermo un incontro tra i movimenti Lgbtq+ nazionali, quanto mai necessario, in un momento di grandi tensioni interne. Questo incontro non sarebbe possibile durante il periodo dell'Onda Pride che vede impegnate nei mesi di giugno e luglio gran parte delle persone che il coordinamento intende coinvolgere.

Nel lungo percorso verso il Palermo Pride rientrano anche la mostra “Catherine Opie - The Human Landscape” a cura di Antonio Leone e Andrea Ruggieri allestita al Centro Internazionale di Fotografia dei Cantieri culturali alla Zisa dal 31 maggio al 15 luglio.

“Rispetteremo la centralità del 28 giugno, Giornata internazionale dell'orgoglio Lgbt con una serie di importanti eventi lungo l'intera settimana – dice Massimo Milani, coordinatrice del Palermo Pride – ma al contempo posticipare il corteo dell'orgoglio Lgbt diventa anche un modo per affermare che la nostra visibilità va celebrata in tutti i mesi e i giorni dell'anno”.

Luigi Carollo sottolinea come “Quest'anno per noi è come se perfino il Pride fosse un grande e lunghissimo 'Verso il Pride' 2019. L'anno prossimo ricorre infatti il cinquantennale dei Moti di Stonewall, evento che ha letteralmente dato vita al nostro movimento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

Torna su
PalermoToday è in caricamento