La banda di palermitani che coltivava droga a Poggioreale: scattano 5 condanne

Avevano creato una piantagione indoor di sostanze stupefacenti. Dovranno scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione e pagare 10 mila euro di multa. I fatti risalgono al settembre del 2017

Da sinistra verso destra, in alto Antonino Nuccio, Vito Lo Presti e Salvatore Lo Presti. In basso: Salvatore e Antonio De Lisi

Erano finiti al Pagliarelli nell'ambito di un'operazione antidroga dei carabinieri. Cinque palermitani sono stati condannati a 3 anni e 4 mesi di reclusione e 10 mila euro di multa. Erano stati arrestati un anno e mezzo fa a Poggioreale, in provincia di Trapani, dopo che i carabinieri di Castelvetrano, con il supporto dei colleghi di Palermo, avevano scoperto una maxi-serra di marijuana.

L’attività investigativa, denominata “Operazione Fantasma”, ebbe inizio quando fu localizzato un casolare rurale in contrada Fontanelle di Poggioreale (ai limiti di territorio con la provincia di Palermo) dove era stata creata una piantagione indoor di sostanze stupefacenti.

I condannati al processo, celebrato con il rito abbreviato, dinanzi al giudice Rosario Di Gioia, sono tutti di Palermo: Salvatore e Stefano De Lisi, di 35 e 39 anni; Antonino Nuccio, di 37; Vito e Salvatore Lo Presti, di 52 e 23 anni.

Era il settembre del 2017 quando i carabinieri scoprirono 160 piante di marijuana. Quando venne sequestrata la piantagione inizialmente rimasero coinvolti i fratelli Antonino e Francesco Corte, di 47 e 43 anni, di Poggioreale, che poi patteggiarono e la loro posizione venne stralciata. Gli inquirenti appurarono che i due fossero solo i "conduttori" della piantagione. I carabinieri, sin da subito, ipotizzaronoche, oltre loro, c'erano altre persone interessate al business.

Furono così acquisite, grazie all’ispezione dei cellulari dei due fratelli e ad alcuni interrogatori, elementi investigativi preziosissimi alla prosecuzione delle indagini. A seguito di una serie di attività d’intercettazione furono inchiodati i cinque palermitani. Ovvero i fratelli Salvatore e Stefano De Lisi, Antonino Nuccio e Vito Lo Presti (gravato da precedenti specifici in materia di stupefacenti) e il figlio Salvatore. Fu documentato l’effettivo coinvolgimento dei palermitani nell’organizzazione. Adesso, a distanza di un anno e mezzo, è arrivata la condanna.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Avatar anonimo di Attila
    Attila

    Frustate e lavori forzati,questi sono i rimedi..

  • Robacceri© in trasferta.

  • Che belle facce! Ma sono le riserve del Palermo?

  • 3 anni e 4 mesi per una coltivazione hhahaa in america avrebbero buttato le chiavi.

    • In America e' stata depenalizzata da un bel po di tempo, come in decine di altri paesi di gran lunga migliori del nostro, informatevi anziche parlare a caso. Arrestare qualcuno per delle piante e' roba da Italia, paese ridicolo.

    • Ma va...abbiamo una grandissima giustizia..scherzi...io mi fido dello stato italiano...mi sento sicuro

Notizie di oggi

  • Politica

    "Governo parallelo basato su favori, amici e nemici": l'Antimafia disegna il sistema Montante

  • Politica

    Decreto Sicurezza, Orlando aggira gli uffici: avanti con le pratiche di residenza ai migranti

  • Politica

    Sgombero immediato per le case abusive in zone a rischio, via i sindaci che non applicano la legge

  • Cronaca

    "Dal totonero alle scommesse on line", così Splendore è diventato il "re" del gioco

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento