Orlando: "Palermo avrà il suo acquario, sarà realizzato alla Bandita"

Lo ha annunciato il Sindaco durante la presentazione dell'ultimo Electronic Town Meeting, che si terrà ai Cantieri culturali della Zisa. L'incontro sarà dedicato alla discussione con i cittadini sul nuovo Piano regolatore della città

Palermo avrà il suo acquario e sorgerà nella zona della Bandita. Lo ha annunciato il sindaco Leoluca Orlando durante la presentazione a Villa Niscemi dell'ultimo Electronic Town Meeting, che si terrà domani ai Cantieri culturali della Zisa e che sarà dedicato alla discussione con i cittadini sul nuovo Piano regolatore della città, le cui linee guida vedranno la luce nel 2015

L'acquario, secondo il progetto, avrà una capienza di quattordici milioni di litri divisi in sei vasche. La sua costruzione dovrebbe essere affidata ad Ettore Piras, l'architetto "padre" dell'acquario di Genova. Un investimento da 50 milioni di euro per un ambizioso progetto che darà lavoro a migliaia di persone e vedrà coinvolti Comune, Regione e Camera di Commercio, oltre al Consiglio nazionale delle ricerche, l'Ismett e l'Università. Fra le intenzioni c'è anche quella di creare un grosso polo di ricerca scientifica

All’appuntamento di domani invece parteciperà anche una delegazione di ospiti del progetto euro-mediterraneo Netkite provenienti da Egitto, Giordania, Palestina e Tunisia che applicheranno la metodologia Etm nei propri paesi di origine e sarà presente anche Angelo Marcotulli dirigente della Regione toscana che da anni promuove il town meeting come sistema innovativo di partecipazione pubblica insieme a Francesco Molinari, ricercatore e consulente nel campo dell’innovazione, information technology e e-governament.

"I town meeting - ha detto l'assessore alla Partecipazione, Giusto Catania - sono stati valutati dalla Commissione europea come buona pratica da realizzare in Europa. Alcuni paesi del Mediterraneo lo hanno preso a modello e con loro è stato avviato un progetto pilota per lo scambio di best practies. Nei prossimi giorni faremo una delibera di giunta perché il provvedimento conterrà anche le richieste emerse durante i town meeting, che sono state recepite dall'amministrazione nel percorso che porterà alla redazione del nuovo Prg".

“Questo è un altro passaggio fondamentale di partecipazione reale dei cittadini – ha sottolineato il sindaco Leoluca Orlando -, un nuovo atto per coinvolgere operatori e cittadini sulle scelte future della città. Un metodo utile che va nella direzione di coinvolgere la nostra comunità nella vita politica”. “Siamo molto contenti di aver inserito il tema del nuovo piano regolatore nel calendario del Town Meeting che confermando il metodo di partecipazione dei cittadini, fornirà idee e proposte progettuali di sicuro interesse”, ha invece detto l’assessore alla Pianificazione urbana, Giuseppe Gini.

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Commercio a Palermo, nelle vie "in" affittare un negozio costa anche 165 mila euro l'anno

  • Sognando la villa con piscina a Mondello, costi e tempi per averne una in giardino

I più letti della settimana

  • "Questo è per lei", pacco sospetto consegnato in spiaggia alla moglie di un carabiniere

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Incidente sulla Palermo-Sciacca, frontale fra due furgoni: grave un quarantenne

  • Turista denuncia sera da incubo alla Vucciria: "Trascinata in auto e palpeggiata"

  • Cantante neomelodico oltraggia Falcone e Borsellino su Rai2: scatta indagine interna

Torna su
PalermoToday è in caricamento