Operata per dimagrire, muore dopo calvario di 45 giorni: il marito presenta denuncia

Valentina Trinca, 35 anni, lo scorso maggio si è sottoposta a un intervento per ridurre l'obesità a Villa Sofia. Dopo l'operazione ha iniziato ad accusare dolori. I familiari: "Il medico ci ha detto che era 'esagerata'". Dall'ospedale: "Rischi erano elevati, paziente al corrente"

Valentina Trinca, morta a 35 anni

Chiedono giustizia i familiari di Valentina Trinca, la 35enne madre di tre figli morta all'ospedale Villa Sofia un mese e mezzo dopo essersi sottoposta ad un intervento per ridurre l'obesità. Dal 30 maggio fino allo scorso 12 luglio per la giovane donna è stato un vero e proprio calvario (tre le operazioni subite), che si è concluso nel peggiore dei modi. Il marito, Stefano Enea, ha sporto una denuncia-querela ai carabinieri della stazione di Resuttana Colli, raccontando la successione dei fatti. 

"Dopo il primo intervento - si legge nella denuncia per presunto omicidio colposo - Valentina aveva dei dolori addominali al basso ventre. Inoltre ci siamo subito accorti che le sacche di drenaggio erano sporche e le urine torbide. Il medico ha detto a mia suocera che i dolori erano dovuti al fatto che mia moglie era fumatrice". Alle insistenze dei familiari, si legge ancora nella denuncia, "il medico ha testualmente risposto che Valentina era 'esagerata'. Solo dopo due giorni dall'intervento è stata sottoposta ad una tac".

Sulle risultanze degli esami però non vi è chiarezza. In un primo tempo, riferisce sempre il marito della donna ai carabinieri, "abbiamo saputo che i dolori di Valentina erano dovuti alla presenza di una fistola". In seguito alla seconda operazione la versione data dai sanitari ai familiari sarebbe stata diversa. "Il medico - viene messo nero su bianco nella denuncia - ha detto ai familiari presenti che non era una fistola, ma che nelle manovre ha toccato l'intestino. Non so come è successo perché era più a valle. Aggiungendo che c'era un perforamento all'intestino in peritonite, che aveva cercato di risolvere durante l'intervento". Nemmeno le successive cure però hanno prodotto gli effetti sperati, tant'è che Valentina è stata sottoposta al terzo intervento. Stavolta ad opera di un altro medico. Un altro calvario, aggravato "da una febbre persistente" e dal fatto che frattanto "i polmoni della donna erano collassati".

Sofferenze su sofferenze, che hanno portato la degente a due crisi respiratorie. "Negli ultimi giorni di vita - dice sempre il marito della donna - mia moglie non risciva più a bisbigliare, muovendo le labbra ci ha fatto capire che le faceva male il petto". Poi la morte. Le cartelle cliniche sono state sequestrate e sul corpo della donna è stata disposta l'autopsia, prevista per oggi.

Al racconto di Stefano Enea, supportato dalla mamma della vittima Carmela Di Maio e dal cognato Giuseppe Tordo (che ha scritto pure un lungo messaggio alla redazione di PalermoToday), fa da contraltare la ricostruzione dell'ospedale Villa Sofia: "La paziente era stata operata il 31 maggio scorso presso l’Unità operativa di chirurgia generale. Si è trattato di una paziente diabetica e ipertesa, sottoposta a bypass gastrico e a due successivi interventi in seguito a complicanze nel frattempo intercorse. L’ultimo intervento, effettuato il 10 giugno scorso, è stato seguito da un'importante complicanza polmonare, che non ha permesso per oltre un mese l’estubazione. La complicanza polmonare, consistente in una grave polmonite, ha provocato un successivo pneumotorace bilaterale che ha portato all’arresto cardiaco. La paziente al momento del decesso era già canalizzata e si alimentava con sondino nasodigiunale in quanto intubata".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Occorre rilevare - fanno sapere dal nosocomio - come questo tipo di intervento, per le sue specifiche modalità, comporta sempre un elevato rischio, in merito al quale ovviamente la paziente stessa e i familiari sono stati pienamente messi al corrente. La Direzione strategica ha richiesto una relazione ai responsabili delle Unità operative che hanno avuto in cura la paziente. Attualmente non si osservano criticità nel percorso assistenziale. La Direzione esprime cordoglio ai familiari della signora e procederà con altri accertamenti per un ulteriore approfondimento della vicenda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento