"Omissione di soccorso", il legale di "Binnu" denuncia carcere di Parma

Secondo l'avvocato Bernardo Provenzano avrebbe ricevuto le cure in ritardo. Dal referto di una tac risulterebbe che il boss sarebbe stato sottoposto agli esami tre giorni dopo la caduta in cella

Sarebbe stato ricoverato in ritardo. L'avvocato del boss mafioso Bernardo Provenzano, Rosalba Di Gregorio, ha denunciato i responsabili dell'istituto di pena di Parma per omissione di soccorso. Secondo il legale ci sarebbe stato un ritardo nelle cure prestate al capomafia, detenuto al 41 bis. Dal referto di una tac fatta al boss risulterebbe che Provenzano sarebbe stato sottoposto a esami solo dopo tre giorni dalla caduta in cella che gli avrebbe determinato una frattura scomposta al viso e poi un grave ematoma cerebrale e il coma.

La caduta sarebbe avvenuta almeno un giorno prima del colloquio avuto il 15 dicembre scorso da Provenzano con i figli. Durante l'incontro il capomafia aveva un berretto in testa che copriva la vistosa tumefazione. Ma solo il lunedì successivo, quando il capomafia venne trovato in coma nel suo letto, venne sottoposto a tac. Il referto è stato consegnato recentemente al legale dalla corte europea dei diritti dell'uomo che, a sua volta, l'ha ricevuto dal governo italiano. Davanti ai giudici di Strasburgo pende un ricorso presentato dall'avvocato Di Gregorio in cui si chiede la condanna dell'Italia per il trattamento disumano riservato al capomafia. (fonte: Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Calcio palermitano in lutto, è morto Carmelo Bongiorno

  • Reddito di cittadinanza, parte la fase 2: i lavori socialmente utili diventano obbligatori

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

  • Spopola a Palermo la truffa dello specchietto: "Piovono segnalazioni..."

Torna su
PalermoToday è in caricamento