Duplice omicidio allo Zen, notte di interrogatori: "Il padre ucciso per proteggere il figlio"

Gli investigatori stanno cercando di ricostruire cosa è successo in via Rocky Marciano. Il racconto di alcuni testimoni: "C'era un uomo incappucciato con una pistola". Antonino Lupo aveva una sfilza di precedenti per droga, il giovane invece era incensurato

Giacomo Lupo, il giovane 18enne ucciso nell'agguato

Nottata di interrogatori per fare luce sul duplice omicidio allo Zen. Familiari e amici del 53enne Antonino Lupo e del figlio diciottenne Giacomo sono stati ascoltati dagli investigatori della Squadra Mobile nel tentativo di raccogliere informazioni utili per risalire ai responsabili del bagno di sangue di ieri in via Rocky Marciano. Il quartiere è presidiato dalla polizia, che si è messa a caccia dei killer.

Aggiornamento: il presunto assassino si è costituito

Già, perchè secondo quanto raccontano alcuni testimoni si è trattato di un agguato un piena regola. Qualcuno riferisce di aver sentito i primi spari nella parte alta di uno dei palazzoni che separa via Rocky Marciano con via Ajello. "Penso sia cominciato tutto sopra una rampa di scale - racconta un residente -, sono uscito e ho visto un uomo vestito di nero e incappucciato con l'arma in pugno che scappava. Il padre è arrivato in un secondo momento e ha cercato di proteggere il figlio. Abbiamo avuto molta paura, appena abbiamo sentito sparare di nuovo ci siamo rintanati a casa terrorizzati".

Le immagini dal luogo della sparatoria | VIDEO

Gli agenti della sezione Omicidi hanno cominciato le indagini cercando di ricostruire un quadro sulle due vittime. Il 53enne, conosciuto nella zona come Tonino, aveva dei precedenti collegati al mondo della droga. Nel 2005 era stato arrestato in una retata che fece piazza pulita nel clan dei Lo Piccolo, scoperchiando una rete dedita in particolare alla riscossione del pizzo e allo spaccio di droga. Proprio Lupo è stato considerato uno degli organizzatori del fiorente business dello spaccio, tanto da essere condannato a 14 anni di carcere. Il figlio Giacomo, giovane pugile molto conosciuto allo Zen, aveva invece la fedina penale pulita e aveva festeggiato il compleanno solo 24 ore prima. "Un ragazzo d’oro, gentile e sempre sorridente. Un pezzo di pane cresciuto nell’ambiente sbagliato e che ha conosciuto la violenza del quartiere. Che però ha deciso di canalizzare in uno sport come il pugilato", racconta chi lo conosceva. E per questo, forse, si allenava tanto, curando il suo corpo.

Tratteggiare un quadro completo delle vittime è servito agli investigatori per cercare di portare le indagini sui binari giusti. Chi era dei due l’obiettivo? Il killer, ammesso che abbia agito da solo, cercava il padre o il giovane figlio? E perché? Secondo alcune indiscrezioni il primo a cadere sotto i colpi di pistola sarebbe stato Giacomo mentre il padre, sentendo sparare, sarebbe arrivato in un secondo momento per cercare di proteggere il figlio e sarebbe stato ucciso probabilmente con un proiettile indirizzato verso la testa. Poi la fuga, forse a bordo di uno scooter. Una ricostruzione ancora parziale e che deve essere incrociata con i risultati dei rilievi eseguiti dal personale della Scientifica. Gli specialisti avrebbero isolato un’area vasta decine di metri quadrati per poi contare almeno sedici spari.

Il giovane pugile, colpito proprio nella via intitolata al grande boxer americano ma di origini italiane, è stato soccorso da un’ambulanza del 118 mentre il padre è stato accompagnato a Villa Sofia da qualche familiare. Antonino Lupo sarebbe morto sul colpo a differenza del figlio, che i medici volevano sottoporre a un intervento d’urgenza per strapparlo alla morte.

Sono bastati pochi minuti e nell’area d’emergenza davanti all'ospedale si sono radunate centinaia di persone, tutte appese a un filo della speranza che si è spezzato poco dopo. I due cadaveri, su disposizione dell'autorità giudiziaria, sono stati portati all'Istituto di medicina legale del Policlinico. L'autopsia, i cui dati verranno incrociati con quelli raccolti dalla Scientifica, potrebbe chiarire da quale distanza e da quale direzione siano arrivati i colpi, la tipologia d'arma (forse una calibro 9) e altro ancora. Nella notte sono state anche perquisite diverse case per cercare indumenti o armi riconducibili a quanto accaduto, un duplice omicidio che ha fatto sconvolto la città.

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Papireto, tenta suicidio ma si schianta al piano di sotto: ferita una donna

  • Travolto e ucciso in bici il pm che fece condannare Totò Riina e lottò contro i corleonesi

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

Torna su
PalermoToday è in caricamento