Ex militare ucciso nel sonno da moglie e figli, "Accoltellato con lame da macellai"

Pietro Ferrera, 45 anni, è stato raggiunto da diversi fendenti mentre era nel suo letto, nella casa di via Falsomiele dove viveva con la famiglia. La donna e i due figli maggiori della coppia hanno confessato. Il capo della mobile: "Gesto cruento, dobbiamo capire i motivi di questa follia collettiva"

La moglie della vittima

Un delitto "cruento", una "follia collettiva" le cui cause sono ancora tutte da chiarire. Così Rodolfo Ruperti, capo della Squadra mobile, descrive quanto accaduto la notte scorsa nell'abitazione di via Falsomiele 138 dove un ex militare, il 45enne Pietro Ferrera, è stato ucciso nel sonno. L'uomo è stato freddato con circa venti coltellate inferte dalla moglie e due figli. I tre - Salvatrice Spataro di 45 anni e Mario e Vittorio Ferrera, di 20 e 21 anni - hanno confessato. La coppia ha anche altri due figli, minorenni, che hanno passato la notte da alcuni parenti e non erano in casa quando è stato compiuto il delitto.

Ex militare ucciso a coltellate mentre dorme, arrestati moglie e 2 figli

A dare l'allarme è stata proprio Salvatrice Spataro, che ha chiamato il 118 e si è autodenunciata: "Venite subito... ho colpito con diverse coltellate mio marito". Con il 118, che ha solo potuto constatare il decesso, è arrivata anche la polizia. 

Ruperti: "Una follia collettiva" | Video

"Ci siamo subito resi conto - dice Ruperti - che a partecipare all'omicidio erano state più persone. E i tre hanno poi confessato. L'uomo è stato ucciso dalle coltellate della moglie, a cui poi si sono aggiunte quelle dei figli. La signora ha usato un grosso coltello da cucina, i ragazzi invece dei coltelli che servono per aprire gli animali. In passato lavoravano in una macelleria. E' un fatto grave, molto cruento".

L'uscita degli arrestati dalla Questura | Video

"Quando siamo arrivati nell'abitazione - prosegue Ruperti - la scena del delitto parlava. Poi abbiamo raccolto le confessioni della donna e dei due figli e sequestrato i coltelli. Tutti e tre, inoltre, avevano addosso ancora tracce di sangue. Le indagini proseguono per capire fino in fondo le ragioni che sono alla base di questa 'follia' omicida collettiva. La donna non ha tentato di coprire i figli".

Via Falsomiele, uccide il marito a coltellate e poi chiama il 118: "Venite subito"

La donna e i figli hanno raccontato di un "uomo violento" e di "maltrattamenti che andavano avanti da anni". Un particolare su cui si concentrano le indagini "perché - spiega Ruperti - in passato non c'era mai stata nessuna denuncia. Non c'è traccia di interventi da parte delle volanti né di sanitari dei pronto soccorso cittadini. Anche questo ci è apparso un po' strano. Ieri mattina, però, uno dei due figli maggiori della coppia aveva preso un contatto con ufficiali di polizia giudiziaria e la madre oggi avrebbe dovuto formalizzare la denuncia per questi maltrattamenti contro il marito".

La testimonianza dei vicini: "Marito e moglie litigavano spesso"

I figli più piccoli della coppia al momento dell'omicidio non erano in casa, un particolare che potrebbe far pensare a un piano premeditato. Ma su questo gli investigatori non si sbilanciano.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • Questa è la storia opposta di quando la moglie denuncia il marito e le autorità non sono in grado di darle protezione con conseguenze quasi sempre letali. Magari avranno pensato che l’epilogo sarebbe stato lo stesso trattandosi di uomo violento e pure ex militare, stavolta il finale è stato cambiato.........

  • adesso si sono rovinati il futuro.minimo 10 15 anni se li fanno,ma in Italia fortunatamente te la cavi con poco.avendo i digli grandi la moglie poteva scegliere una soluzione migliore specialmente per i suoi digli.dove tutelare i figli. ormai è stato fatto il peggio è inutile commentare. ormai uccidere è diventato una cosa normale

  • nessun gesto giustifica un omicidio....ma prima di tutto bisogna stroncare il muro della mediazione...se un rapporto non va piu' esistono metodi per separarsi...e se il coniuge e' violento le forze dell ordine ...ma mi immedesimo sul clima interfamiliare infelice che giorno x giorno vivono i minori e i figli ...vedendo le foto di questi ragazzi su facebook si evidenzia l amore che hanno tra di loro...e l amore che hanno verso la loro famiglia.....hanno sbagliato e' vero...pero' forse nella loro immaturita' hanno creduto e fatto la cosa piu' sbagliata....l'impeto distrugge,,,,la perseveranza gioca sulla resistenza...la rassegnazione ti mette alle spalle al muro....vedo troppo nervosismo in giro...si offende facilmente si ci inca...a con persone che non conosciamo....forse tutti noi dovremmo riflettere su come si puo' cambiare,,,,,

  • Anni di violenze e umiliazioni porta soltanto a questo. Nessuno ha il diritto di togliere la vita a nessuno ma a volte l'esasperazione prende il sopravvento.

  • solo chi vive le situazioni puo capire... facile dal di fuori dire ci sono le strutture e denuncia....

  • Avatar anonimo di Ale
    Ale

    Ha basgliato e deve pagare ma dopo anni di soprusi litigate poi si scoppia poveri figli ....che tragedia .....:-(

  • la follia avviene dopo anni di sopportazioni e angherie...non giustifico un omicidio....però dico.....mah!!!!

    • Ancora non si sa nulla.

  • Se non lavorava ed era economicamente dipendente dal marito non vedo in che modo potesse andarsene via di casa; per andare dove? Bisogna sentire tutte le campane.

    • ma nulla Giustifica un omicidio cosi cruento

      • Concordo! Ci sono delle strutture

        • Ma dove? A Palermo? Boh! Non lo so!

  • Se i vicini sono i primi a dire che litigavano in continuazione, più motivazione di questa. C'è gente che uccide per molto meno. Può darsi che lo abbiano stordito con qualche sonnifero per evitare possibili reazioni. Anche se c'è stata premeditazione non vedo finalizzata a che cosa se l'omicidio è stato denunciato subito, il corpo non è stato occultato e le tracce non sono state manomesse. Forse avevano pianificato l'omicidio e all'ultimo minuto hanno cambiato programma? E chi lo dice che non avevano in mente di fare scomparire il corpo, visto che i due minorenni erano stati mandati dai nonni? Staremo a vedere! È un giallo.

    • Hai descritto perfettamente gli aspetti salienti; ma proprio questi portano, "per logica" ad un'altra soluzione. Che però è indimostrabile e tale resterà, se non esplicimente ammessa dagli attori; cosa che, ovviamente, non faranno mai. Quindi è un giallo ma, con ogni probabilità, tale resterà...

  • Follia pura, supportata da cosa?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La loggia segreta di Castelvetrano, lo sfogo che incastra Cascio: "Quello mi dice il discorso"

  • Cronaca

    Bellolampo, rimane col braccio incastrato nel nastro trasportatore: operaio si frattura il polso

  • Politica

    Rifiuti, proposta dell'Anci: "Tari nella bolletta della luce per evitare il dissesto dei Comuni"

  • Cronaca

    In diecimila in piazza per ricordare le vittime di mafia: "Uniti si vince"

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

  • Scoperta loggia segreta che condizionava la politica: 27 arresti, c'è Francesco Cascio

Torna su
PalermoToday è in caricamento