Omicidio di Pagliarelli, istanza respinta: il presunto killer resta in carcere

Il giudice del Riesame non ha accolto la richiesta avanzata dall'avvocato di Pietro Seggio che annuncia già il ricorso in Cassazione. Regge l'impianto accusatorio dei pm Petrigni e Antoci. Attese le motivazioni entro 45 giorni

Pietro Seggio all'uscita dagli uffici della Squadra Mobile

Resta in cella il presunto killer di Francesco Manzella. Il giudice Lorenzo Jannelli del tribunale del Riesame ha rigettato l’istanza di scarcerazione proposta dall’avvocato di Pietro Seggio, accusato dell’omicidio del 34enne avvenuto nella notte tra il 16 e il 17 marzo scorsi in via Gaetano Costa, non lontano dal carcere Pagliarelli. Le motivazioni della decisione saranno depositate entro 45 giorni. Regge l’impianto accusatorio che ha portato il procuratore aggiunto Ennio Petrigni e il sostituto Giovanni Antoci a chiedere il fermo del 42enne.

”Attendiamo con ansia le motivazioni per proporre doverosamente il ricorso in Cassazione. Speravamo in un esito positivo del riesame - spiega l’avvocato Giovanni Castronovo - anche in considerazione del fatto che nel corso dell’udienza camerale abbiamo riversato in atto gli esiti delle indagini difensive ed in particolare le sommarie informazioni rese da due soggetti informati dei fatti. Siamo certi che dinnanzi la Superma Corte riusciremo a dimostrare la fondatezza della tesi difensiva”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poliziotto della questura di Palermo si suicida lanciandosi da un viadotto

  • Incidente stradale, morta a 42 anni ginecologa palermitana

  • Pestato durante una lite con la moglie, 41enne muore al Civico

  • Ferragosto tragico: si tuffa in mare e muore annegato ad Aspra

  • Papireto, tenta suicidio ma si schianta al piano di sotto: ferita una donna

  • Auchan, ruba 63 barattoli di pesto di pistacchio: arrestato

Torna su
PalermoToday è in caricamento