Benzinaio ucciso, il killer resta in carcere: "Sono distrutto, la mia vita è finita"

Convalidato il fermo di polizia giudiziaria e la custodia cautelare in carcere per Mario Di Fiore. L'uomo, scoppiato in lacrime davanti al giudice, è accusato di avere ucciso sabato pomeriggio il benzinaio Nicola Lombardo di 44 anni

Faccia a faccia con il giudice, a distanza di tre giorni dal gesto più folle. Le lacrime, la ricostruzione, il pentimento. Poi la decisione del giudice. Convalidato il fermo di polizia giudiziaria e la custodia cautelare in carcere per Mario Di Fiore. L'uomo è accusato di avere ucciso sabato pomeriggio il benzinaio Nicola Lombardo di 44 anni. La decisione del Gip del Tribunale di Palermo, Daniela Cardamone, è arrivata dopo una camera di consiglio durata quasi sei ore. Di Fiore è accusato di omicidio aggravato dai futili motivi.

Di Fiore - difeso dall'avvocato Giuseppe Avarello - ha detto: "Sono distrutto e a disposizione dell'autorità giudiziaria". Entrato in aula prima di mezzogiorno, scortato da alcuni agenti di polizia penitenziaria, è scoppiato in lacrime quando ha iniziato a parlare. "La mia vita è finita, sono morto anch'io", ha detto prima di rivolgere un pensiero ai figli di Lombardo. Di Fiore avrebbe rivelato che il prezzo del pieno di carburante (68 euro) non c'entra nulla col gesto omicida. L'assassino ha sostenuto di aver sparato un solo colpo, che ha centrato la vittima alla milza, perché avrebbe percepito una reazione da parte del benzinaio. Tramite l'avvocato difensore ha fatto sapere inoltre di essersi reso conto della gravità della vicenda". Per la ricostruzione dell'accusa, il pensionato e Lombardo avrebbero litigato per un differenza di 6 euro sul prezzo del carburante da pagare.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Ma c'è tanta gente gira con una pistola in tasca???

  • Deve marcire in galera, certe bestie non sono degne di vivere tra gente civile.

  • No, veramente la vita finita è quella di quel povero benzinaio e di sua moglie e dei suoi figli innocenti! Apero che marcisca in carcere! Qui pare di essere nel far west!!!!

  • avete dimenticato che l'omicida ha dichiarato di avere visto volare un asino

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Terrasini, cade dall'albero mentre raccoglie carrube e sbatte la testa: è gravissimo

  • Cronaca

    Ponte crollato a Genova, la preoccupazione di Musumeci: subito vertice con l'Anas a Palermo

  • Cronaca

    Colpisce agente al volto e minaccia di morte il capo dei vigili: arrestato a Ficarazzi

  • Cronaca

    Mercatino del "rubato", cambia tutto: "Vigili nel weekend all'Albergheria"

I più letti della settimana

  • Procuravano ferite e fratture per truffare le assicurazioni, undici fermi

  • Diluvia e la città va in tilt: a Cruillas si rompe una condotta del gas, chiuso viale Regione

  • Operazione Tantalo, i nomi delle undici persone fermate per frodi assicurative

  • Scooter contro un camion, muore palermitano di 36 anni a Scalea

  • Palme, fontana e posto auto: domina il verde nella villa assegnata a 16 rom in zona Pagliarelli

  • Al porto una nave con 20 tonnellate di hashish, undici arresti: la droga era immersa nel gasolio

Torna su
PalermoToday è in caricamento