Omicidio dopo la rissa al Borgo, pena ridotta per padre e figli

In appello riconosciute le attenuanti generiche per Gaetano Cinà e i suoi figli Francesco e Massimiliano. Sono accusati di aver massacrato due uomini, Vincenzo Chiovaro e Antonino Lupo, con un grosso coltello

La corte d'assise d'appello di Palermo ha ridotto da 20 a 16 anni la condanna per Gaetano Cinà e i suoi figli Francesco e Massimiliano, accusati di aver ucciso il 23 aprile 2002 Vincenzo Chiovaro e Antonino Lupo con un grosso coltello in piazza a Borgo Vecchio. Gli imputati, che hanno scelto il rito abbreviato, furono arrestati nel 2009 grazie al racconto di Fabio Nuccio, collaboratore di giustizia come il fratello Antonino, che ha raccontato di aver assistito all'assassinio.

Ai tre, assistiti dagli avvocati Marco Clementi e Giuseppe farina, sono state riconosciute le attenuanti generiche. Dietro al delitto, secondo gli investigatori, ci sarebbe stata una violenta lite scoppiata tra i Cinà e le vittime che avevano rubato la moto di uno degli imputati e avevano preteso del denaro in cambio della restituzione della refurtiva. Fabio Nuccio ha fornito agli investigatori della squadra mobile la ricostruzione della dinamica dell'omicido e i nomi dei tre assassini.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Voto di scambio politico-mafioso: Tantillo inguaia Ferrandelli

    • Politica

      M5S, arriva il responso dei periti: "Le firme sono false"

    • Elezioni comunali 2017

      La magistratura irrompe sulle elezioni, l'indagine che azzoppa Ferrandelli

    • Cronaca

      Giallo a Caccamo, commerciante trovato morto dentro auto bruciata

    I più letti della settimana

    • Fa 600 euro di "spesa" (con una tv 32 pollici) e tenta di non pagare: arrestato al Forum

    • Noce, si sporge dal balcone per prendere una pen drive e cade: grave un poliziotto

    • Notte da incubo allo Zen, undicenne scompare: ritrovato dopo 15 ore

    • Foto e video con bambini palermitani nudi: arrestato professore

    • Viaggiano in 14 in una macchina: "Stiamo tornando da una festa"

    • Separata e disoccupata non può pagare l'affitto: l'aeroporto diventa la sua casa

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento