Omicidio dopo la rissa al Borgo, pena ridotta per padre e figli

In appello riconosciute le attenuanti generiche per Gaetano Cinà e i suoi figli Francesco e Massimiliano. Sono accusati di aver massacrato due uomini, Vincenzo Chiovaro e Antonino Lupo, con un grosso coltello

La corte d'assise d'appello di Palermo ha ridotto da 20 a 16 anni la condanna per Gaetano Cinà e i suoi figli Francesco e Massimiliano, accusati di aver ucciso il 23 aprile 2002 Vincenzo Chiovaro e Antonino Lupo con un grosso coltello in piazza a Borgo Vecchio. Gli imputati, che hanno scelto il rito abbreviato, furono arrestati nel 2009 grazie al racconto di Fabio Nuccio, collaboratore di giustizia come il fratello Antonino, che ha raccontato di aver assistito all'assassinio.

Ai tre, assistiti dagli avvocati Marco Clementi e Giuseppe farina, sono state riconosciute le attenuanti generiche. Dietro al delitto, secondo gli investigatori, ci sarebbe stata una violenta lite scoppiata tra i Cinà e le vittime che avevano rubato la moto di uno degli imputati e avevano preteso del denaro in cambio della restituzione della refurtiva. Fabio Nuccio ha fornito agli investigatori della squadra mobile la ricostruzione della dinamica dell'omicido e i nomi dei tre assassini.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapine a segno sui bus e per strada, tre arresti: "Erano il terrore dei ragazzini"

  • Cronaca

    Al galoppo fra le strade dello Zen, rintracciati cavallo e fantino

  • Cronaca

    In autostrada con 40 chili di pesce, denunciato 31enne: "Prodotti in cattivo stato"

  • Cronaca

    Attacco hacker al sito del comune di Termini: dati cancellati, chiesto riscatto in bitcoin

I più letti della settimana

  • Via Dante, militante di Forza Nuova legato e pestato in strada

  • Trappeto, facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due pedofili

  • Vendevano la figlia ai pedofili, il racconto shock: "Non mi piaceva fare quelle cose"

  • Vince un milione ma non lo riscuote, Sisal: "Il tempo sta per scadere"

  • L'assalto al bar Massaro, il titolare: "Perché un'azione tanto eclatante? Era solo una rapina?"

  • Agguato alla Kalsa, pregiudicato per mafia ferito da un colpo di pistola

Torna su
PalermoToday è in caricamento