I fotogrammi che incastrano l'amante killer, oggi l'udienza di convalida

Antonino Borgia, imprenditore 51enne, è stato arrestato sabato con l'accusa di avere ucciso a Partinico, a colpi di bastone e a coltellate, Ana Maria Di Piazza. La Procura conferirà l'incarico al medico legale per l'autopsia sul cadavere

Un fotogramma dell'omicidio tratto da TGR Sicilia

Sono stati alcuni fotogrammi di un filmato di videosorveglianza con l'audio e le urla della donna che ripeteva al suo assassino di essere incinta, a documentare la prima aggressione subìta da Ana Maria Di Piazza, di 30 anni. Si terrà oggi l'udienza di convalida del suo carnefice, Antonino Borgia, l'imprenditore cinquantunenne arrestato sabato con l'accusa di avere ucciso a Partinico la giovane romena, a colpi di bastone e a coltellate. Sempre oggi la Procura conferirà l'incarico al medico legale per l'autopsia sul cadavere della giovane uccisa. L'esame sarà eseguito all'istituto di medicina legale del Policlinico. Borgia in passato era già stato denunciato per reati contro la persona.

La giovane, come emerge anche da un audio del video registrato da una abitazione nei presi del luogo del'omicidio, aspettava un bambino dal suo assassino. La vittima lascia un bambino di 11 anni. Per il giorno dei funerali il sindaco di Giardinello, Antonio De Luca ha proclamato il lutto cittadino. Il corpo della vittima è stato ritrovato nelle campagne tra Balestrate e Partinico, lungo la statale 113. E' stato lo stesso imprenditore Borgia a confessare ai carabinieri, guidati dal colonnello Luigi De Simone, e alla pm di turno, di avere ucciso la donna. Lei, secondo il racconto dell'uomo, dopo avergli detto di aspettare un figlio, gli avrebbe anche chiesto dei soldi. Come ha detto lo stesso assassino. A quel punto lui l'ha colpita, con un coltello e con un bastone, fino a ucciderla.

La scena dell'inseguimento sarebbe stata ripresa dalle telecamere di un sistema di videosorveglianza si sente la donna che urla, "Ma che fai? Noi aspettiamo un bambino, io ti amo". E' tutto al vaglio degli inquirenti, coordinati dal Procuratore aggiunto Annamaria Picozzi. E' stata la telefonata di una donna a segnalare ai carabinieri di avere visto tra lo svincolo di Balestrate e Alcamo una giovane con il volto insanguinato e i vestiti strappati uscire da un furgone bianco inseguita da un uomo, senza pantaloni. Nello stesso pomeriggio si è presentato un uomo ai carabinieri per riferire di avere visto in alcune riprese del sistema di videosorveglianza della sua abitazione in campagna a Balestrate la scena di un'aggressione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vicenda ha raggiunto la ribalta nazionale. L'ex ministro Matteo Salvini ha commentato così la notizia: "Ammazza la compagna a coltellate perché aspettava un bambino. Solo una parola: bastardo. Solo una pena: galera a vita".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento