Offese e insulti su Facebook a Mattarella: 39 persone sotto inchiesta

Il sostituto procuratore di Palermo Gery Ferrara ha ricevuto dalla Digos le identificazioni degli autori delle minacce e degli insulti rivolti al Capo dello Stato. Fra i tanti post presi in esame c'era anche quello di un utente che scrisse “…hanno ucciso il fratello sbagliato”

Sergio Mattarella

Fra i tanti post presi in esame c'era anche quello di un utente che scrisse “…hanno ucciso il fratello sbagliato”, proprio riferendosi all’omicidio di Piersanti Mattarella. Un altro post recitava: “Ti hanno ammazzato il fratello, non ti basta?”. Trentanove persone, titolari di altrettanti profili Facebook, rischiano adesso di finire a giudizio con l'accusa di avere offeso il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il sostituto procuratore di Palermo Gery Ferrara ha ricevuto dalla Digos le identificazioni degli autori delle minacce e degli insulti rivolti a Sergio Mattarella dopo che il Capo dello Stato aveva affidato l'incarico per la formazione del Governo a Carlo Cottarelli. La Procura, con il coordinamento dell'aggiunto Marzia Sabella, sta procedendo all'iscrizione di tutti gli identificati nel registro degli indagati e potrebbe chiedere anche il giudizio immediato, per l'evidenza della prova. Tra loro anche Manlio Cassarà, palermitano, che aveva fatto riferimenti offensivi all'omicidio di Piersanti Mattarella. 

Il Capo dello Stato - negli ultimi giorni di maggio - era divetato bersaglio di insulti e accuse dopo essersi opposto al nome di Paolo Savona come possibile ministro dell'Economia nel governo M5S-Lega guidato da Conte. Il "no" aveva portato lo stesso premier designato a rimettere il mandato. Sul piano politico questa decisioneportò a una levata di scudi da parte di pentastellati e Carroccio, con i primi pronti - per poi fare dietrofront - a chiedere la messa in stato di accusa di Mattarella. Sui social si erano così scatenati commenti e critiche. Centinaia i messaggi contro il Presidente. Alcuni però avevano fatto riferimento anche all'omicidio del fratello di Mattarella, Piersanti, assassinato a Palermo il 6 gennaio 1980. Secondo l'accusa quei commenti erano altamente offensivi nei confronti della massima carica dello Stato e da qui il pm Gery Ferrara, coordinato dal procuratore aggiunto Marzia Sabella e dal capo della Dda Francesco Lo Voi, aveva deciso l'iscrizione degli effettivi autori dei post. In un primo momento si era pensato a dei profili fake, intestati a persone diverse. Alla Digos e alla polizia postale sono bastate poche ore per risalire all'identità reale dei titolari dei profili.

I pm titolari dell'inchiesta ipotizzano il reato di attentato alla libertà del presidente della Repubblica, offesa all'onore a e al prestigio del presidente della Repubblica, puniti fino a 15 anni di reclusione. Non è esclusa anche l'ipotesi di istigazione a delinquere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Tragedia per una mamma palermitana: bimbo di 10 anni muore incastrato in un cassonetto per indumenti

  • L'incidente di Bonagia, lacrime a "Dallas": morto diciottenne

  • E' subito folla alla Vucciria, Taverna Azzurra quasi come in periodo "pre-Covid"

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento