Una villa a Pizzo Sella: nuova sede per i buddisti palermitani, c'è anche Battiato

Si tratta di una struttura confiscata alla mafia e assegnata dal Comune, in una posizione da cui si domina l'intera città. Sabato l'inaugurazione, con il cantautore siciliano e il sindaco di Messina, Renato Accorinti

All'inaugurazione anche il Venerabile Lama Monlam, 90enne, molto seguito e rispettato anche per le sue doti di guaritore

Una nuova sede a Palermo per le associazioni buddhiste: si inaugura sabato (10 dicembre) alle 15 in una villa di Pizzo Sella, confiscata alla mafia e assegnata dal Comune. Saranno presenti il Venerabile Lama Monlam, Franco Battiato e il sindaco di Messina, Renato Accorinti. 

Attualmente si stima che i praticanti buddhisti italiani siano circa 50 mila a cui si possono aggiungere altre 10 mila persone che saltuariamente frequentano centri e partecipano ad insegnamenti ed altri 10 mila di provenienza extracomunitaria. Anche le comunità palermitane sono diverse, forti e compatte: per loro e per tutte le associazioni legate al mondo buddhista, nasce un punto di riferimento. Sabato il battesimo della nuova sede che il Comune di Palermo ha assegnato al Centro buddhista Muni Gyana e alle associazioni in rete del progetto “Ponti sottili”: si tratta di una delle strutture confiscate alla mafia di Pizzo Sella, in una posizione da cui si domina l’intera città. La villa (in via Grotte Partanna 5) permetterà di ospitare, in un luogo silenzioso e accogliente, meditazioni e insegnamenti, conferenze, gruppi di studio e dare vita ad una serie di attività sociali e culturali di servizio alla città.

All’inaugurazione interverranno il Venerabile Lama Monlam – novantenne, molto seguito e rispettato anche per le sue doti di guaritore e la profonda conoscenza della pratica buddhista -; il cantautore Franco Battiato;  Lara Gatto, presidente della Fondazione per la Preservazione della Tradizione Mahayana; Giorgio Raspa, presidente dell’Unione Buddhista Italia, e il sindaco di Messina, Renato Accorinti, in veste privata, da seguace del Dalai Lama. Presente il consigliere comunale Juan Diego Catalano Ugdulena. Dopo il benvenuto della direttrice del centro Muni Gyana, Lucia Geraci, saranno presentati il progetto “Ponti Sottili” e le associazioni che aderiscono: H.R.Y.O. (Human Rights Youth Organization), Centro per lo sviluppo della consapevolezza Thar do Ling, A.P.S. TATAM, Associazione sportiva dilettantistica OKINAWA, Associazione QI,  ABACA, “Il Canto di Los”.

"Un grande passo in avanti, questa sede - si legge in una nota -. Sia il Centro Muni Ghyana che le diverse associazioni troveranno qui un punto di riferimento e un ambiente armonioso dove proporre le discipline, seguire gli insegnamenti, confrontare le diverse tradizioni, partecipare alle sessioni di studio e alle conferenze, oltre che ad una ricerca congiunta che indaghi la natura della realtà e della mente, promuovendo il rispetto come principio fondante della convivenza. Ognuna delle associazioni ha una sua linea specifica che verrà messa a contatto e in rapporto con le altre, con l’intento comune di creare benessere, ma anche interventi culturali e  sociali sull’intero territorio e la città".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • Blitz antimafia a Belmonte Mezzagno, quattro arresti: "In carcere il nuovo capo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento