I musei chiudono nei festivi: "Ai beni culturali bloccati tutti i pagamenti"

I sindacati autonomi: "Stop dal 2 giugno". Il motivo è legato ai ritardi ormai cronici nei pagamenti: dal 2016 attendono indennità di turnazione, tutela e vigilanza per un totale che varia da 3 mila a 4 mila euro ciascuno

Palazzo Abatellis

Nuovo stop al lavoro del personale dei beni culturali nei festivi a partire dal 2 giugno. In vista dunque altri disagi per tutti i siti culturali dell'Isola. I sindacati Cobas-Codir, Sadirs, Siad e Ugl-Fna, che rappresentano la maggioranza dei lavoratori, si sono infatti opposti a nuove deroghe al contratto che avrebbero consentito ai custodi di lavorare oltre il limite di un terzo dei festivi fissato proprio nel contratto. Il motivo del rifiuto è legato ai ritardi ormai cronici nei pagamenti: dal 2016 attendono indennità di turnazione, tutela e vigilanza per un totale che varia da 3 mila a 4 mila euro ciascuno e che, secondo quanto detto dal dirigente generale, non potranno essere pagati prima di tre mesi. Per garantire le turnazioni, vista la carenza di personale, nel tempi si è reso necessario superare il limite contrattuale di un terzo dei festivi. Serve però un accordo coi sindacati che non è stato siglato proprio a causa di questi ritardi.

“La ragioneria del dipartimento dei Beni culturali – spiegano gli autonomi - ha di fatto rallentato tutti i pagamenti creando enormi ritardi anche per le imprese che forniscono beni e servizi all’amministrazione”. E ancora i sindacati spiegano che “il dirigente generale Sergio Alessandro ha siglato un accordo di minoranza con i confederali ritenuto inefficace, inesigibile” tanto che gli autonomi annunciano “inevitabili azioni legali a tutela del personale”. I sindacati attaccano poi “l’assurdo atteggiamento del neo assessore Sebastiano Tusa che impropriamente scarica le responsabilità accusandoci di ostacolare la crescita e lo sviluppo del settore. Noi con un grande senso di responsabilità abbiamo dichiarato che il personale continuerà a garantire nei limiti del contratto la tutela dei siti nelle more di una risoluzione”.

Prendendo atto “dell’assoluta incapacità da parte della dirigenza dei Beni culturali di risolvere il programma”, gli autonomi hanno chiesto un incontro con l'assessore all'Economia, il dirigente generale dell'Economia e il dirigente generale della Funzione pubblica e l'assessore alla Funzione pubblica, e ovviamente con i vertici dell’assessorato ai Beni culturali “per porre in essere le azioni che portino a un raffreddamento della spinosa vertenza sindacale”. Quindi un invito all’assessore Tusa “a intervenire con il dirigente generale per annullare l’accordo farlocco siglato assieme alla triplice che rappresenta una minoranza, non qualificata”. I sindacati Cobas-Codir, Sadirs, Siad e Ugl-Fna, per voce di Michele D'Amico, Peppino Salerno e Giuseppe Di Paola, Angelo Lo Curto e Gaspare Di Pasquale, Ernesto Lo Verso e Mario Notaro, ribadiscono che “non ratificheranno alcun protocollo d’intesa sottoscritto dal dirigente generale e dalle sigle Cgil, Cisl e Uil. Confermiamo lo stato di agitazione e invitiamo tutti i colleghi a partecipare al sit-in del 5 giugno”.

La risposta dell'assessore Tusa

E' opportuno far presente che l’ufficio di Ragioneria, sebbene versi già da qualche tempo in regime di carenza di operatori, ha comunque provveduto a sbloccare i pagamenti del personale. Ritengo che insistere su questa posizione, dopo i tanti ben noti interventi per portare a soluzione definitiva la complessa problematica che non investe direttamente le competenze dell’assessorato dei Beni culturali, finisce per procurare un maggiore disagio sia per gli stessi lavoratori che per l’intera Amministrazione. E infatti, da un lato il disservizio e la paventata chiusura dei siti culturali procura un disagio per i turisti con ovvie ricadute negative di immagine oltre che economiche e, dall’altro, non consente agli stessi lavoratori di potere fruire dei legittimi compensi aggiuntivi al proprio salario di base, anche in considerazione del venir meno del pagamento del plus orario reso durante il servizio festivo. L’accordo del 25 maggio 2018 consente, in via provvisoria e come previsto dalla Legge 165 del 2001, di potere operare nelle more della definizione della contrattazione. In occasione dell’incontro da me sollecitato tra il Dirigente Generale del Dipartimento dei Beni culturali Sergio Alessandro e il Ragioniere Generale, dopo una attenta verifica degli atti in giacenza presso la Ragioneria del Dipartimento, è stata individuata una soluzione che permetterà di effettuare entro tempi brevi il pagamento delle spettanze accessorie degli anni 2016 e 2017 e che consentirà ai lavoratori di svolgere il proprio lavoro con serenità.

Inoltre, la vera criticità che dovrebbe essere messa in rilievo, non è la contestazione mossa all’accordo siglato tra l’Amministrazione che rappresento e alcune organizzazioni sindacali, frutto di una dialettica interna che può anche essere da stimolo per l’Amministrazione, ma la carenza di personale nei vari rami dell’Amministrazione regionale dovuta ai numerosi pensionamenti disposti dalle leggi in vigore. Mi auguro che possa prevalere, anche fra queste difficoltà, il buon senso, lo spirito di servizio e la passione per il territorio e le sue bellezze che non possono essere penalizzate per una questione di ritardi nei pagamenti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo in arrivo, attesi venti di burrasca e forti temporali: scatta l'allerta meteo arancione

  • "Tutte cose levate hai, pezza di tro...": le intercettazioni nella casa di cura delle violenze

  • Incidente mortale in viale Croce Rossa, automobilista travolge e uccide una donna

  • Conti in banca, auto di lusso e un ristorante: sequestrati beni a un 37enne di Partinico

  • Doppio pestaggio nella notte, in due picchiano le vittime mentre un terzo filma col cellulare

  • Distributore aumatico rotto e sangue ovunque, furto "splatter" all'università

Torna su
PalermoToday è in caricamento