Non è "Scherzi a parte": auto entra in Ztl agganciata al carro attrezzi e viene multata

L'incredibile beffa in via Roma: l'auto di un uomo era stata prelevata per una sosta vietata nella zona di corso dei Mille, lungo il tragitto verso il deposito è stata immortalata dalle telecamere. Su consiglio della polizia municipale verrà presentato ricorso al Prefetto

Si è beccato una multa perché circolava all’interno della Ztl, in via Roma, pur non essendo munito di pass. E fin qui sembrerebbe tutto "normale", se non fosse però che la sua auto era stata agganciata da un carroattrezzi che la stava portando al deposito. Sembra uno scherzo ma non lo è, tanto che l’automobilista - Marco Calcagno - si è dovuto rivolgere al Comando della polizia municipale dove gli stessi agenti, increduli di fronte a quella fotografia, lo hanno invitato con il sorriso sulle labbra a presentare un ricorso al Prefetto per chiedere l’annullamento del verbale. Qualcuno, scherzando, gli ha anche chiesto una copia della foto come ricordo.

I fatti risalgono al 10 maggio scorso. "Mia moglie - racconta Calcagno a PalermoToday - aveva parcheggiato in prossimità di un passo carrabile nella zona di corso dei Mille. Nonostante non intralciasse l’uscita da un garage, dove tra l'altro c'era un divieto che non so se fosse autorizzato o meno, l’auto è stata prelevata e portata al deposito in via Garzilli". Così è andato a ritirarla, pagando 110 euro circa per il deposito e l’intervento del carro attrezzi, procedendo poi al pagamento del verbale per la sosta vietata entro i 5 giorni per potere usufruire dello sconto del 30%.

"Sono rimasto sorpreso quando poi, dopo circa 3 mesi, mi è arrivato un altro verbale con cui mi contestavano di aver attraversato la Ztl in mancanza del pass che autorizza la circolazione all’interno del perimetro". Ha letto e riletto la contestazione mossa dall’unità operativa Videocontrollo Ztl, ma non voleva credere ai proprio occhi. "Sono andato al Comando di via Dogali e ho chiesto del comandante, ma mi hanno indirizzato verso l’ufficio verbali. Erano stupiti e con molta gentilezza e disponibilità mi hanno invitato a presentare ricorso al Prefetto. Sarebbe scandaloso beccarsi una multa del genere". Vero è anche che le telecamere leggono automaticamente la targa del mezzo che accede in Ztl, ma sul verbale si legge il nome dell'accertatore che avrebbe "passato" il verbale. Una svista quindi.

"Si tratta chiaramente di un caso limite, ma va riconosciuta la bontà dell'accaduto. Ci spiace per l’inconveniente e siamo certi che la Prefettura annullerà il verbale", spiegano dalla polizia municipale. Una grana da risolvere al più in un paio di giornate, compilando un modulo e sborsando (o anticipando) 43 euro per il contributo unificato del ricorso. Il caso di Calcagno e della moglie, quindi, si aggiungerà all’esigua percentuale di contravvenzioni appellate e sottoposte alla Prefettura per la Ztl. Stando ai dati comunicati dall'Amministrazione e relativi al periodo compreso tra il 25 settembre 2017 e il 23 febbraio scorso, a fronte di 230 mila sanzioni sono stati presentati 3 mila ricorsi al Prefetto e altri 300 al giudice di pace (pari complessivamente all'1,3% del totale).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nello stesso lasso di tempo le telecamere della Ztl hanno registrato oltre 840 mila transiti: 574.449 i passaggi autorizzati (lista bianca, veicoli delle forze dell’ordine, di soccorso, di pubblica utilità ecc...); mentre dei 265.738 veicoli sottoposti in totale agli accertamenti, 232.653 sono stati verbalizzati. Ci sono stati casi in cui gli automobilisti hanno dimenticato di rinnovare il pass, per poi essere graziati dal giudice di pace che ne ha annullati dieci in una sola volta. O casi in cui l’automobilista è stato multato nonostante risultasse nella lista bianca e fosse munito di pass invalidi: il giudice di pace ha accolto il ricorso e annullato 8 verbali condannando il Comune a pagare le spese legali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Gli cancellano i voli, palermitano in Polonia reagisce a pedalate: "Tornerò a casa in bici"

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

Torna su
PalermoToday è in caricamento