Dal tam tam su facebook alla piazza, protesta dei disoccupati al Comune

Niente sigle o bandiere di partito per il doppio appuntamento a Palazzo delle Aquile e davanti alla Prefettura, organizzato dal Movimento disoccupati: "Abbiamo diritto di vivere con dignità, ma non vogliamo contributi o sostegni. Chiediamo lavoro"

Movimento disoccupati, doppia manifestazione di piazza

Niente sigle o bandiere di partito, ma una protesta organizzata da cittadini semplice accomunati da un dramma: la mancanza di un'occupazione. Doppio appuntamento in piazza, in programma per giovedì 27 febbraio e giovedì 6 marzo, organizzato dal Movimento disoccupati che lancia due giornate di protesta sotto Palazzo delle Aquile e la Prefettura. Manifestazione lanciata tramite i social newtork dove si legge: "I politici promettono e non mantengono, mentre noi siamo qui a puzzare di fame". E di fronte a "tanto immobilismo", sono i disoccupati stessi ad organizzarsi, con la creazione di un gruppo Facebook dove concentrare idee ed possibili azioni.

LA LETTERA - "Mi presento: sono un soggetto non aderente a nessun ramo politico, né un laureato, ma semplicemente un disoccupato che è stanco di stare a guardare senza poter fare niente. E' ovvio che da solo non posso fare niente - scrive l'anonimo - ma con tutti voi possiamo organizzare una manifestazione pacifica con l'obiettivo di farci notare, viste le gravi condizioni familiari che ci stanno devastando. Addirittura - continua - abbiamo assistito a personaggi che si sono suicidati, piccoli imprenditori: è ora di dire basta a tutto questo. Anche noi abbiamo diritto di vivere con dignità, nel rispetto delle nostre famiglie e principalmente dei nostri figli".

Stando al quarantesimo report della Fondazione Curella, nel 2013 sono complessivamente 67 mila i posti di lavoro persi in Sicilia nel 2013, con la disoccupazione che tocca il 22 per cento, con percentuali ancora più drammatiche per i giovani, dato che uno su due non trova lavoro. "Speriamo che Orlando rinnovi la propria sensibilità - continua la lettera - perché alla fine non chiediamo contributi o sostegni, bensì lavoro per potere sfamare le nostre famiglie". I due concentramenti si terranno alle ore 8 di giorno 27 febbraio a piazza della Vergogna e giorno 6 marzo in via Cavour.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Collettore fognario, spunta un altro cantiere: lunghe code in via Roma

    • Cronaca

      Bimba sbarca da sola a Lampedusa, dopo 5 mesi riabbraccia la mamma a Palermo

    • Cronaca

      Alta tensione al canile di via Tiro a Segno, ruote bucate e protesta: animalisti contro il Comune

    • Cronaca

      "Ha promesso posti di lavoro per 15 mila euro", arrestato un ex dipendente delle Poste

    I più letti della settimana

    • Le due ruote, il Palermo, la famiglia, l'ultima curva: "Ciao Salvo, ci mancherai"

    • Incidente in Favorita, con la moto fuori strada: morto un poliziotto

    • L'incidente di via Sampolo, morta in ospedale la trentenne rimasta ferita

    • Cavallo imbizzarrito, paura tra Politeama e Massimo: due auto danneggiate

    • "Lotta" al forte mal di testa, i medici palermitani: "Occhio al caffè"

    • Maxi tamponento in viale Regione, coinvolte 5 auto di tifosi albanesi

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento