La movida regno dell’abusivismo, locali al setaccio: multe e sequestri

Giro di vite della polizia amministrativa. Elevate sanzioni per un totale di 97 mila euro. Scoperte serate danzanti non autorizzate e buttafuori abusivi. Nel mirino anche bar e sale giochi non in regola

Una serata in discoteca @Tm News-Infophoto

Tra serate danzanti e buttafuori, la movida si scopre come il regno dell’abusivismo. Una serie di controlli fatti scattare dalla sezione Amministrativa della polizia, diretta da Maria Cervellini, ha portato al sequestro di numerosi locali e a quasi 100 mila euro di sanzioni. Controlli che sono scattati anche a seguito di numerose segnalazioni ricevute dai cittadini.

Secondo quanto riferito dalla Questura, i locali ad essere stati sanzionati sono: il "Sonar" (serata danzante abusiva); "Caffè Antico" (serata danzante abusiva), per il quale la procura  ha emesso un provvedimento di sequestro preventivo; il "Berlin Cafè" (serata danzante abusiva); "Gatto Nero", (irregolarità in tema di utilizzo di buttafuori); “Energy Club" (serata danzante abusiva), per il quale la procura ha emesso un provvedimento di sequestro preventivo; "Mob" (serata danzante abusiva); “Jato Events”, (buttafuori abusivi in una serata danzante). "Club Black Hole" (buttafuori abusivi). Nelle scorse settimane sono state controllate e sequestrate due discoteche abusive ai Candelai.

Nel mirino sono finiti anche un bar in via Marchese di Villabianca, (privo della licenza di somministrazione); una rivendita di tabacchi e punto gioco ippico in via Partanna Mondello (violazione delle prescrizioni in licenza e per rappresentanza abusiva nella conduzione dell'attività); sala giochi in via Tommaso Natale e un’altra sala giochi abusiva sempre in via Partanna Mondello; il bar "II Pasticciere", gestito abusivamente e il bar "Wonder", (all'interno sono stati rinvenuti due apparecchi videogioco non conformi alla vigente normativa).  

Infine in una villa in Hemingway, a Tommaso Natale in forma imprenditoriale si organizzavano serate danzanti totalmente abusive con l'utilizzo di dj, barman ed addetti alla sicurezza privi delle prescritte autorizzazioni. Per questo la procura  su richiesta della polizia ha emesso un formale provvedimento di sequestro, eseguito nei giorni scorsi. Lo stesso titolare, inoltre, è stato segnalato per disturbo alla quiete pubblica ed inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità per avere violato un formale provvedimento del Questore che intimava la cessazione dell'attività abusiva.

“L'attività di buttafuori – dicono dalla Questura - rappresenta una nuova figura professionale che oggi, più che mai, è esercitata da personale abilitato ed iscritto in un apposito albo prefettizio. In questo specifico settore l'attività ispettiva mira, essenzialmente, alla tutela della incolumità dei numerosi giovani che affollano i locali notturni sia sotto il profilo della sicurezza dei locali che sotto l'aspetto della corretta somministrazione di alimenti e bevande”.

Potrebbe interessarti

  • Meduse nelle coste palermitane e il falso mito della pipì: tutti i (veri) rimedi anti ustione

  • Magnesio, toccasana per la salute e non solo: perché i palermitani dovrebbero prenderlo

  • Abitare sostenibile, quando il cappotto termico a casa ti salva l'estate e il portafogli

  • Commercio a Palermo, nelle vie "in" affittare un negozio costa anche 165 mila euro l'anno

I più letti della settimana

  • Omicidio a Carini, uccide la compagna e si barrica dentro un negozio

  • "Questo è per lei", pacco sospetto consegnato in spiaggia alla moglie di un carabiniere

  • Incidente in via Leonardo da Vinci, 28enne in scooter investito dal tram

  • Fiamme in una casa di via Altarello, nell’incendio morto un anziano

  • Due dj, bar e duecento persone in pista: sequestrata discoteca abusiva a Mondello

  • San Cipirello, 41enne trovato morto sul marciapiede di fronte casa: ipotesi omicidio

Torna su
PalermoToday è in caricamento