homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Morto rapinatore ferito da gioielliere, a giorni l’autopsia sul corpo

Salvatore Cappai, 34 anni, il rapinatore ferito il 28 marzo scorso nel tentativo di svaligiare il negozio di preziosi Comito è deceduto a Villa Sofia. I proiettili hanno provocato lesioni alla colonna vertebrale

Non ce l'ha fatta il rapinatore ferito il 28 marzo da un gioielliere allo Sperone. Salvatore Cappai, 34 anni è morto nell'ospedale Villa Sofia, dove era ricoverato da due settimane. Il corpo è stato portato al policlinico in attesa dell'autopsia che sarà eseguita nei prossimi giorni. Il decesso è avvenuto giovedì scorso ma la notizia è stata diffusa soltanto oggi, dall'edizione locale di Repubblica. Cappai insieme ad altri tre complici aveva tentato di svaligiare il negozio di preziosi Comito in via Portella della Ginestra nel quartiere Sperone. Il titolare della gioielleria, I.F., la cui posizione è al vaglio della magistratura, ha disarmato il bandito dalla sua calibro 38 e gli ha sparato due colpi ferendolo al collo ed a un polpaccio.

I proiettili hanno provocato lesioni alla colonna vertebrale. Cappai era senza documenti ed i poliziotti della squadra mobile lo hanno identificato grazie al battito delle ciglia, con cui ha fatto riconoscere il nome e la sua data di nascita indicando le lettere e i numeri su una tavoletta. La rapina potrebbe essere stata una messinscena per celare un avvertimento da parte del racket delle estorsioni. “Non avrei mai sparato - ha detto I.F. nei giorni scorsi - a quell'uomo, ma è lui che è entrato nel mio negozio e al posto suo adesso potrei esserci io”. La polizia sta adesso ricercando gli altri complici analizzando le immagini delle telecamere del servizio di vigilanza.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Ztl, il sindaco va in Aula ma parla da solo: "Ennesimo monologo"

    • Cronaca

      Cocaina nascosta tra mutande e reggiseno: arrestata coppia in via Malaspina

    • Cronaca

      Bisacquino, si siede sulla ringhiera e vola giù dal balcone: salvo per miracolo

    • Politica

      Amministrative 2017, Noi con Salvini: "Vogliamo candidare Sgarbi a sindaco"

    I più letti della settimana

    • Omicidio Zito, condanne pesanti: rissa in aula e pugno in faccia al pm

    • Corpi smembrati e scene di cannibalismo: eritreo arrestato, trovate foto shock

    • Internet gratis nelle strade: Palermo diventa un "unico grande modem"

    • Incidente in viale del Fante, schianto nella notte: due giovani in prognosi riservata

    • Con acetone e penna cambia scadenza ai latticini, denunciato grossista a Lercara

    • Incidente sulla Palermo-Mazara, coinvolte tre auto: traffico rallentato

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento