Anziano morto dopo essere stato spinto, ambulante assolto in appello

L'episodio risale al 2014. Gioacchino Aversa, 63 anni, si era avvicinato alla bancarella dell'uomo in corso Tukory per acquistare degli auricolari per il telefono cellulare. La contrattazione sul prezzo è degenerata e il cliente è stato spinto a terra

La corte d'assise d'appello ha assolto "perché il fatto non sussiste" il bengalese Miah Rubel. L'uomo era stato condannato a otto anni per la morte di Gioacchino Aversa, 63 anni, con il quale aveva avuto una discussione. L'extracomunitario aveva spinto per terra Aversa, poi morto  in ospedale per una complicazione.

I fatti risalgono al 25 aprile 2014. Aversa si avvicinò alla bancarella di Rubel in corso Tukory per acquistare degli auricolari per il telefono cellulare. La contrattazione sul prezzo portò a uno scambio di insulti. Il venditore diede una spinta al cliente che, cadendo sul marciapiedi, riportò la frattura di un femore. Dieci giorni dopo l'uomo morì a causa di un embolo.

In primo grado il venditore ambulante era stato condannato a otto anni per omicidio preterintenzionale aggravato dai futili motivi. La difesa di Rubel ha però dimostrato che la caduta non fu connessa alla morte. Da qui la sentenza dei giudici d'appello.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • C'è poco da fare, gli amici del primo cittadino sono intoccabili!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapine a segno sui bus e per strada, tre arresti: "Erano il terrore dei ragazzini"

  • Cronaca

    Al galoppo fra le strade dello Zen, rintracciati cavallo e fantino

  • Cronaca

    In autostrada con 40 chili di pesce, denunciato 31enne: "Prodotti in cattivo stato"

  • Cronaca

    Attacco hacker al sito del comune di Termini: dati cancellati, chiesto riscatto in bitcoin

I più letti della settimana

  • Via Dante, militante di Forza Nuova legato e pestato in strada

  • Trappeto, facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due pedofili

  • Vendevano la figlia ai pedofili, il racconto shock: "Non mi piaceva fare quelle cose"

  • Vince un milione ma non lo riscuote, Sisal: "Il tempo sta per scadere"

  • L'assalto al bar Massaro, il titolare: "Perché un'azione tanto eclatante? Era solo una rapina?"

  • Agguato alla Kalsa, pregiudicato per mafia ferito da un colpo di pistola

Torna su
PalermoToday è in caricamento