Uditore sotto shock, morto panellaro di 33 anni: "Ci mancherà l'odore dei tuoi panini"

Il quartiere perde uno dei personaggi più conosciuti. Con il suo furgoncino si sistemava ogni giorno davanti al Lidl di via Bernini. Il ricordo: "Si faceva volere bene e rispettare per la sua cortesia, gentilezza disponibilità. E anche per l'igiene"

Il punto in cui si sistemava Benny Piazza e i fiori - foto Amare Uditore

"Ci mancherà il profumo delle sue panelle e delle sue crocché che rendevano più bella l'aria nella nostra borgata". E' solo uno dei messaggi per ricordare Benny Piazza, il venditore ambulante dell'Uditore, morto improvvisamente ieri a 33 anni. A stroncarlo è stato un problema alle vie respiratorie. Il quartiere adesso è sotto shock: perde uno dei personaggi più conosciuti. Perché chiunque da queste parti conosceva Benny e il suo furgoncino con cui vendeva panini con panelle e crocché, davanti al Lidl di via Bernini.

"Aveva lavorato fino a dieci giorni fa, l'ho visto, era sempre al suo solito posto - commenta a PalermoToday Umberto Lo Sardo,  storico consigliere della quinta circoscrizione -. Siamo tutti sbigottiti, Benny qua era amatissimo. Si faceva volere bene e rispettare per la sua cortesia, gentilezza disponibilità. E anche per l'igiene, tutti gli riconoscevano massima cura e pulizia nel lavoro che svolgeva ogni giorno. Perdiamo una persona amabile e rispettosa".

Un gruppo di mamme appena ha appreso la notizia è andato a pregare e piangere sul posto dove Benny Piazza stazionava con il suo furgoncino. Il 33enne - che faceva lo stesso lavoro del papà e del nonno - era originario di Borgo Nuovo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento