"Vado in bagno", poi si lancia nel fiume: aperta inchiesta sulla morte del professore Lo Coco

Mistero sulla tragica fine del noto ematologo palermitano. Il 63enne si è gettato nel Tevere dal Ponte della Musica domenica 2 marzo. Il fascicolo è stato aperto dalla Procura di Roma per istigazione al suicidio

Il professor Lo Coco

La Procura di Roma ha aperto un'indagine sulla morte del palermitano Francesco Lo Coco, 63 anni, ematologo di fama internazionale, ordinario a Tor Vergata, suicidatosi nel fiume Tevere. L'ipotesi di reato è istigazione al suicidio. Secondo quanto appreso, domenica 3 marzo, poco dopo le 14, mentre era a pranzo in un ristorante davanti al Foro Italico, improvvisamente Lo Coco si è alzato dicendo che doveva andare in bagno, invece è uscito dal locale e si è buttato dal ponte della Musica, al Flaminio.

Sulla vicenda non ci sarebbero punti oscuri e l'apertura di un fascicolo è più che altro un atto dovuto per poter svolgere accertamenti: al momento infatti, dall'esame esterno della salma disposto dal Pubblico Ministero Margherita Pinto, è confermata l'ipotesi del suicidio. 

Palermitano di nascita, 64 anni da compiere il prossimo 30 di ottobre, brillante allievo di Franco Mandelli, Lo Coco ha guadagnato la notorietà internazionale per aver determinato, con i suoi studi, importanti passi avanti contro la 'leucemia fulminante'. Per queste ricerche ha ottenuto diversi riconoscimenti, fra i quali  l'edizione 2018 del 'José Carreras Award' all'ultimo congresso della Società europea di ematologia Eha, nel giugno scorso a Stoccolma.

Nel corso della sua carriera, Lo Coco si è occupato principalmente di caratterizzazione genetico-molecolare e terapia delle neoplasie  ematologiche. Ha pubblicato oltre 300 articoli originali su riviste  internazionali peer-reviewed, principalmente incentrati sulla diagnostica e il monitoraggio molecolare di leucemie e linfomi, e in particolare sulla leucemia acuta promielocitica. E' stato anche presidente della Società italiana di ematologia sperimentale (2000-2002), componente della Commissione per la ricerca sanitaria del ministero della Salute (2001-2002), membro del Comitato Tecnico-Scientifico della Firc-Airc.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • Sospetto caso di Coronavirus, mascherine e fuggi fuggi al pronto soccorso del Cervello

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento