Monreale, "Il mio capo mi molesta": dipendente comunale a processo

Le avrebbe fatto il “piedino”, poi avrebbe anche allungato le mani toccandole prima il sedere e poi il seno. L'ex responsabile della delegazione municipale di Pioppo dovrà rispondere del reato di violenza sessuale. La prossima udienza si celebrerà il 16 maggio

Avrebbe iniziato facendole il “piedino”, poi avrebbe anche allungato le mani toccando le prima il sedere e poi il seno. Il giudice Nicola Aiello ha rinviato a giudizio per violenza sessuale Giovanni La Corte, 59enne nato a Monreale e all'epoca dei fatti responsabile della delegazione municipale di Pioppo. La prossima udienza si celebrerà il 16 maggio presso la seconda sezione penale in composizione collegiale.

A denunciarlo per le "avances" e dare il via alle indagini è stata una sua dipendente di quarant’anni, F.T., che non avrebbe più retto il clima che si respirava sul posto di lavoro. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è arrivata quando la donna lo avrebbe visto al computer mentre navigava su alcuni siti porno mettendosi le mani nelle parti intime.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Non vi erano altri dipendenti?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto in un market di via Maqueda, Ballarò saluta Matteo: "Vogliamo giustizia, non vendette"

  • Cronaca

    Il Comune si riprende La Mimosa, sgomberato l'asilo occupato a Pallavicino

  • Cronaca

    Differenziata, Rap apre alle scuole il Centro comunale di raccolta di viale dei Picciotti

  • Economia

    Quota 100, a Palermo 2.500 richieste: in pensione senza verifica ma c'è il rischio "trappola"

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento