Mondello da vivere tutto l'anno: il 1° aprile si apre la stagione balneare Italo-Belga

Secondo un sondaggio lanciato da ProMondello i cittadini lamentano soprattutto i problemi di viabilità della borgata marinara, ma chiedono anche più sicurezza in spiaggia e meno inquinamento acustico

Foto Mario Cucina

E' fissata per il 1^ aprile l'apertura della stagione balneare della società Italo-Belga, con una giornata ricca di iniziative gratuite.  Parola d'ordine "destagionalizzare", sfruttando il clima favorevole che già ieri ha portato decine di palermitani in spiaggia. Proprio sull'incremento dei flussi turistici durante tutto l'anno si è incentrata la riunione dell'Ost (Open Space Tecnology) di ProMondello. Cittadini e amministratori si sono confrontati sul futuro della borgata marinara tra criticità e potenzialità. 

Tra le proposte sul tavolo, un mercato del pesce nel weekend, ristorantini a km 0 legati al territorio, manifestazioni sportive, visite guidate ed escursioni. Iniziative che devono potere contare su servizi pubblici adeguati, fonti energetiche, pulizia e sicurezza. Tra le altre idee sul tavolo, suggerimenti sul pesca turismo e su un collegamento via mare tra la Cala e Mondello; ma anche sentieri per escursionisti che magari tocchino meraviglie poco conosciute come la grotta Regina (di epoca punico-fenicia), le grotte dell’Addaura o le torri saracene. 

"Si vuole - si legge in una nota - ripensare Mondello ma senza piangersi addosso: la borgata è una responsabilità di tutti, pubblici e privati, abitanti e commercianti, cittadini e amministratori. ProMondello è il processo partecipativo che parte dalla gente, nato su input della Mondello Italo Belga, che per prima ha investito sulla borgata, ma è un’idea condivisa. E ProMondello come primo intervento, ha proposto un questionario per individuare i punti deboli (e forti) della borgata".

Il sondaggio è ancora sui social (www.promondello.it), ma ci sono già i primi risultati: dalle prime risposte – finora 157 partecipanti, 74 uomini e 83 donne, soprattutto nella fascia di età che va dai 30 ai 49 anni (49%) e 15-29 anni (33%) seguiti da un 12% tra i 50 e i 64 anni; in maggioranza, liberi professionisti e studenti – si è compreso subito che una delle note dolenti di Mondello è la viabilità: il 59,4 % usa l’auto, il 19,4% la moto, il 7,1% i mezzi pubblici e lo stesso numero, la bici; e un 5,8% va a piedi. Quasi tutti (80,4%) dichiarano che preferirebbero un altro mezzo e che userebbero volentieri il tram (41,4%) o l’autobus (33,6%). Sempre agli stessi, è stato chiesto di valutare l’attuale servizio di mezzi pubblici per Mondello: in una scala da 1 (pessimo) a 10 (ottimo), soltanto il 5% è sopra la sufficienza, il 19,9% lo valuta pessimo, e il 63,6% è su scala comunque negativa. Circa la metà degli intervistati pensa a che a Mondello ci sia un problema di inquinamento acustico (il 52,1% contro il 47,9%) e che uno dei problemi della borgata sia la sicurezza in spiaggia, nelle abitazioni, ma anche randagismo e singole aggressioni.

Durante l’OST di ProMondello, si è parlato anche di cabine: il “no” è comune, ma si deve pensare al futuro. “La scelta della Mondello Italo Belga di destinare storicamente quasi tutta la propria concessione a cabine ha determinato un rallentamento nello sviluppo della borgata verso il turismo – spiega Giuseppe Castellucci –, ma è anche vero che è stata una conseguenza dell’irresistibile richiesta dei palermitani di quegli anni. Ma da dieci anni la spiaggia sta subendo una metamorfosi che sottolinea con maggiore forza l'inadeguatezza dei servizi a supporto di un profondo rilancio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparso da oltre un giorno, 29enne trovato morto sotto il ponte di via Oreto

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Incidente alla Favorita, auto si schianta contro un albero: un morto e una ferita grave

  • Una vita dietro la consolle, poi lo schianto in Favorita: "Antonio, rimarrai il mio miglior dj"

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

Torna su
PalermoToday è in caricamento