Cabine di Mondello, i grillini a Orlando: “Sindaco, ben svegliato dal letargo..."

Continua la telenovela sulle capanne appena montate sul lido preferito dai palermitani. In questi giorni il primo cittadino aveva chiesto l'intervento della magistratura. Trizzino: "Improvvisamente ora si scoprono tutti ambientalisti dopo decenni di vergognoso silenzio"

Nella foto allegata un momento della manifestazione organizzata sabato scorso a Mondello dal Movimento 5 Stelle. In primo piano i deputati Riccardo Nuti e (dietro) Giampiero Trizzino

“Caro signor sindaco, sono felice che si sia svegliato, meglio tardi che mai, finalmente batte un colpo. Dov'era, però,  tre settimane fa, quando abbiamo chiesto l’intervento dei vigili per controllare la regolarità dei lidi? Dov'era quando ci siamo recati a Mondello, assieme alle forze dell’ordine, per denunciare le opere abusive? Dov’era quando abbiamo annunciato un esposto alla magistratura e dov’era sabato scorso, quando abbiamo convocato a Mondello la cittadinanza, e quindi, in primis, il primo cittadino, per denunciare le irregolarità di Mondello?”. Il Movimento 5 stelle replica, per bocca del presidente della commissione Ambiente dell’Ars, Giampiero Trizzino, alle dichiarazioni del sindaco, che ha sottolineato in questi giorni l’ineluttabilità delle multe e della segnalazione alla magistratura per le cabine di Mondello.
 
“La verità – afferma Trizzino -  è che Orlando, senza di noi avrebbe continuato a guardare dall’altra parte, come ha fatto finora e come hanno fatto tutti coloro che ora, improvvisamente, si scoprono ambientalisti dopo decenni di vergognoso silenzio  Il sindaco ha detto che dall’anno prossimo non ci saranno più cabine? Se davvero vuole essere credibile, allora, si impegni a toglierle da subito. Ha tutte le carte per poterlo fare: il suo ufficio urbanistica ha stabilito l’obbligo del titolo abilitativo per montarle; il suo ufficio per le attività produttive si è allineato e lui stesso, addirittura, ha ammesso che ci sono profili di illegittimità penale nell'azione che si sta consumando. Insomma, di cos’altro ha bisogno Orlando?”.

Sulle reali intenzioni del Comune sul fronte cabine il Movimento 5 nutre più di un dubbio: “Se davvero, Orlando non vuole  più le cabine - afferma Trizzino - perché il piano di utilizzo del demanio marittimo, licenziato dalla sua giunta, parla ancora della possibilità di montarle, con tanto di indicazione delle misure e dei limiti? Lo modifichi subito”. ”Il vero problema di Orlando – dice Trizzino - è che ci siamo noi, che leggiamo le sue carte e studiamo le leggi che lui dovrebbe applicare. Le sue dichiarazioni possono andar bene per qualche elettore distratto, ma non per noi. Dimostri di essere dalla parte degli ottomila cittadini che hanno sottoscritto la nostra petizione e restituisca da domani la spiaggia ai palermitani”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • Omicidio di Ana Maria, parla l'ex compagno: "Mi ha detto che aspettava un figlio da me"

  • Poliziotti si fingono inquilini e scovano super latitante in casa: arrestato Pietro Luisi

  • Incidente a Partinico, perde il controllo dello scooter e cade: morto 21enne

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

Torna su
PalermoToday è in caricamento