Misilmeri, morto il giovane ballerino che si è impiccato lunedì sera

Marco Saitta, 19 anni, è stato dichiarato clinicamente morto. La camera ardente sarà allestita presso la scuola di danza in Via Belgio a Misilmeri. "E' diventato un angelo che danzerà in cielo"

Marco Saitta durante una gara di ballo insieme a Giulia D'Alessandro - foto da MisilmeriBlog

Marco non ce l’ha fatta. Il giovane ballerino di 19 anni che lunedì sera si è impiccato in una stanza nella sua casa di Misilmeri è stato dichiarato clinicamente morto. A darne notizia è il sito MisilmeriNews.

Tutto il paese si è stretto attorno alla famiglia Saitta. Nessuno si spiega i motivi che l’hanno portato a questo folle gesto. Marco era un ragazzo solare, lanciato verso una prestigiosa carriera. Tanti infatti erano stati i suoi successi nel campo del ballo in Italia e nel Mondo. La camera ardente sarà allestita presso la scuola di danza in Via Belgio a Misilmeri. "Adesso – dicono i suoi amici – Marco è diventato un angelo che danzerà in cielo".
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapine a segno sui bus e per strada, tre arresti: "Erano il terrore dei ragazzini"

  • Cronaca

    Al galoppo fra le strade dello Zen, rintracciati cavallo e fantino

  • Cronaca

    In autostrada con 40 chili di pesce, denunciato 31enne: "Prodotti in cattivo stato"

  • Cronaca

    Attacco hacker al sito del comune di Termini: dati cancellati, chiesto riscatto in bitcoin

I più letti della settimana

  • Via Dante, militante di Forza Nuova legato e pestato in strada

  • Trappeto, facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due pedofili

  • Vendevano la figlia ai pedofili, il racconto shock: "Non mi piaceva fare quelle cose"

  • Vince un milione ma non lo riscuote, Sisal: "Il tempo sta per scadere"

  • L'assalto al bar Massaro, il titolare: "Perché un'azione tanto eclatante? Era solo una rapina?"

  • Agguato alla Kalsa, pregiudicato per mafia ferito da un colpo di pistola

Torna su
PalermoToday è in caricamento