Misilmeri, morto il giovane ballerino che si è impiccato lunedì sera

Marco Saitta, 19 anni, è stato dichiarato clinicamente morto. La camera ardente sarà allestita presso la scuola di danza in Via Belgio a Misilmeri. "E' diventato un angelo che danzerà in cielo"

Marco Saitta durante una gara di ballo insieme a Giulia D'Alessandro - foto da MisilmeriBlog

Marco non ce l’ha fatta. Il giovane ballerino di 19 anni che lunedì sera si è impiccato in una stanza nella sua casa di Misilmeri è stato dichiarato clinicamente morto. A darne notizia è il sito MisilmeriNews.

Tutto il paese si è stretto attorno alla famiglia Saitta. Nessuno si spiega i motivi che l’hanno portato a questo folle gesto. Marco era un ragazzo solare, lanciato verso una prestigiosa carriera. Tanti infatti erano stati i suoi successi nel campo del ballo in Italia e nel Mondo. La camera ardente sarà allestita presso la scuola di danza in Via Belgio a Misilmeri. "Adesso – dicono i suoi amici – Marco è diventato un angelo che danzerà in cielo".
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Coppia ripresa mentre fa sesso al centro commerciale, in tre a processo

    • Cronaca

      Caso di meningite alla Noce, ricoverato prete della chiesa Sacro Cuore

    • Cronaca

      Cadavere al Foro Italico: "Nessuna lesione sospetta", ma resta il mistero sull'identità

    • Video

      Renzi a Palermo per il "Sì": "Grillini? Bello vederli sfilare in tribunale..." | VIDEO

    I più letti della settimana

    • Incidente in via Pitrè, scontro tra auto e scooter: muore un 41enne

    • Maxi rissa nella notte in via Malaspina, accoltellato un diciottenne: sei arresti

    • A Palermo si sta male: qualità della vita, la classifica è impietosa

    • Ztl, varchi per raggiungere parcheggi senza pass: emanata ordinanza

    • Foro Italico, cadavere tra gli scogli: “Run with Autism” devia il percorso

    • Ragazzine con il pancione: baby mamme, il record di Palermo

    Torna su
    PalermoToday è in caricamento