Beni confiscati: inaugurata la sede Ministro Cancellieri taglia il nastro

La cerimonia per l'apertura dell'Agenzia nazionale si è svolta alla presenza del capo della Polizia Antonio Manganelli e del procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso

Il ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri

Il ministro degli Interni Anna Maria Cancellieri, in visita a Palermo, ha inaugurato ieri pomeriggio la sede dell'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, alla presenza del capo della Polizia Antonio Manganelli e delle autorità civili e militari. Presente anche il procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso.

La Cancellieri, per la seconda volta in Sicilia in due giorni dopo essere stata a Messina per l'emergenza maltempo, ha tagliato il nastro nella sede di via Vann'Antò insieme al direttore dell'Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati, Giuseppe Caruso. Successivamente ha partecipato ad una seduta straordinaria della giunta presso la presidenza della Regione. Subito dopo ha deposto una corona di alloro dedicata alle vittime di mafia in piazza XIII vittime e poi ha incontrato il Prefetto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La banda spacca vetrine non perdona: svaligiato negozio Giglio nella notte

  • Sport

    Grande esodo a Roma, il Palermo prova a salvare la B e Arkus paga gli stipendi

  • Cronaca

    Frasi del boss Provenzano in un post, bufera su consigliere comunale agrigentino

  • Cronaca

    C'è il via libera: a Palermo taser a tutte le forze dell'ordine entro l'estate

I più letti della settimana

  • Rissa sfiorata tra Massimo Giletti e il sindaco di Mezzojuso: "Mi mette le mani addosso?"

  • Arrivata la sentenza, Palermo all'inferno: "Ultimo posto e retrocessione in C"

  • Falsi incidenti per truffare le assicurazioni, scoperta altra banda: 16 arrestati e 25 indagati

  • Il viaggio, il malore e il cuore che si ferma: Cinisi sotto choc per la morte di un'undicenne

  • Incidenti finti, lacrime vere: "Mattoni per rompermi il braccio, piangevo ma non si fermavano"

  • La banda dei falsi incidenti, i nomi delle 41 persone coinvolte

Torna su
PalermoToday è in caricamento