Poste di via Stabile, tormenta impiegata e minaccia di sfregiarla con l'acido: arrestato

In manette dopo l'intervento della polizia è finito un pensionato di 66 anni del quartiere Capo. L'accusa? Atti persecutori. L'uomo era diventato l'incubo di una dipendente dell'ufficio

Tormenta un'impiegata delle Poste, la raggiunge in casa e per finire tenta di sfregiarla con l'acido muriatico mentre lavora: con l'accusa di atti persecutori la polizia ha arrestato un 66enne palermitano, pensionato del quartiere Capo. L'uomo nei giorni scorsi aveva scatenato una baraonda all’interno delle poste di via Mariano Stabile. L’uomo, come ricostruito dai poliziotti del commissariato Centro che hanno svolto le indagini, aveva avviato alcune pratiche per la rimodulazione di un finanziamento. Pratiche che erano state curate da un’addetta della filiale postale.

"A distanza di pochi giorni però - raccontano dalla questura - a causa di alcune problematiche che erano nate in merito alla sua pratica, l’uomo, ritenendosi penalizzato, nonostante i chiarimenti e le informazioni che gi avevano fornito, più volte si è recato nei locali dell’ufficio postale e in presenza di clienti ed impiegati, aveva inveito all’indirizzo dell’impiegata 'colpevole' a suo dire di averlo truffato. In una di queste incursioni il 66enne aveva addirittura “promesso” di bruciare l’ufficio postale". 

"Una pressione incalzante - dicono dalla polizia - esercitata senza timore dei numerosi presenti che aveva minato la serenità dell’impiegata, in una circostanza addirittura raggiunta dalle minacce dell’uomo perfino in casa, fuori dall’orario di lavoro, attraverso un social network e minacciata di essere sfregiata con l’acido". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il culmine è stato toccato lo scorso martedì: l’uomo ha fatto ingresso nell’ufficio postale di via Mariano Stabile con una bottiglia di acido muriatico ed ha chiesto a gran voce di parlare con la dipendente già presa di mira. A quel punto i dipendenti hanno fatto scattare l’allarme, sollecitando l'intervento della polizia. Sul posto sono piombati gli agenti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico che hanno bloccato il pensionato, recuperando poi la bottiglia contenente acido muriatico. L’uomo è stato tratto in arresto in flagranza per il reato di atti persecutori e, dopo le formalità di rito e portato al Pagliarelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Negativa a 3 tamponi, torna positiva al Covid: "Così sono ripiombata nell'incubo"

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

Torna su
PalermoToday è in caricamento