Minacce al senatore Carlo Vizzini “Vigliacchi, ma io non mi fermo”

Ignoti hanno lasciato nella segreteria di piazzetta Bagnasco un foglio con scritto: "Vizzini poca vita" e "Aiuto" con una pistola disegnata sopra. L'ex Pdl sta appoggiando la candidatura a Sindaco di Ferrandelli

Il senatore Carlo Vizzini ancora vittima di minacce. Questa volta, ignoti hanno lasciato nella guardiola della segreteria di piazzetta Bagnasco, un foglio formato A4 con la scritta “Vizzini poca vita” e “Aiuto” con una pistola disegnata sopra. A fare la scoperta è stato un condomino, che ha immediatamente avvertito i carabinieri che indagano sull'episodio. Negli ultimi mesi sono stati diversi gli episodi di minacce contro Vizzini, che sta appoggiando la candidatura di Fabrizio Ferrandelli a Sindaco. “Presento una lista apparentata con il giovane candidato, evidentemente i comitati d'affari hanno capito che corrono un rischio vero - dice all'Adnkronos -. Sono dei vigliacchi ma non pensino di fermarmi, perchè accanto a me ci sono tante, tantissime persone pronte a proseguire il mio percorso. Non sono preoccupato ma stanco di queste continue minacce. Però non mi fermo”.

L'ultima volta ignoti erano entrati sempre nei locali della segreteria e avevano aperto il rubinetto di una bombola di gas. E prima ancora era stata fatta recapitare una busta con proiettili mentre a un suo collaboratore era stata fatta avere la mappa del percorso di jogging che l'uomo effettua spesso con il senatore. Sull'episodio stanno indagando i carabinieri del Comando provinciale di Palermo. “Ieri mi hanno chiamato sia il Questore Nicola Zito che il Comandante provinciale dei carabinieri, Teo Luzi e li ringrazio per la loro vicinanza - dice ancora Vizzini - Spero che si faccia chiarezza su quanto accaduto”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento